A Bisceglie al Palazzo Tupputi, incontro con lo storico Mario Avagliano che presenta il suo ultimo lavoro, come Resistenze dal sud…

E’ stato giustamente chiamato “l’altro dopoguerra” il periodo vissuto dal Luglio del 1943, quando gli alleati sbarcarono in Sicilia, e il Maggio del 1945 quando la guerra finisce.

La penisola era spaccata in due e man mano che passava il tempo si riconquistavano spazi e terre occupate dall’esercito nazifascista.

Un periodo segnato da combattimenti accaniti, violenze e atti di resistenza della popolazione italiana alla lenta risalita dell’esercito tedesco verso il Nord.

Anche la nostra terra è stata vittima di queste violenze e di eccidi a volte poco conosciuti. In Puglia proprio la nostra provincia BAT è stata quella che ha versato più sangue come numero di vittime. Ma il ritorno alla normalità, in Italia,  è avvenuto in modo lento e con varie battute d’arresto.

La fame e la miseria di quegli anni sono stati ben rappresentati da diversi capolavori del cinema italiano: alcune esempi possono senz’altro essere “Roma città aperta” o “Tutti a casa”. Questo libro, di cui sarà presente l’autore, lo storico Mario AVAGLIANO, affronterà quel capitolo di storia. L’originalità sta nel fatto che l’autore toccherà gli avvenimenti suddetti, affronterà il tema storico, ma parlando anche attraverso altre fonti quali musica, cinema, programmi radio e arte. Noteremo allora come la voglia di libertà del popolo italiano cresceva e prendeva forma in un lento ma inesorabile cammino verso i diritti costituzionali in quel periodo che viene ormai identificato come il “nuovo risorgimento italiano” .

Per l’incontro di Bisceglie ci sarà il sindaco Angelantonio Angarano e l’assessora alle Culture la prof.ssa  Loredana Bianco.

Vi aspettiamo per l’incontro.

A fine incontro ci sarà il firmacopie dell’autore.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

“Festival San Miniato Movie”: De Ceglia vince il primo premio, ma già pensa al futuro

Collezionista di successi. A noi sta bene così, perlomeno tiene alto il nome della nostra città. Luca De Ceglia se ne torna dalla Toscana ricco di soddisfazioni, con la consapevolezza di aver raggiunto un altro ambito traguardo, con la gioia nel cuore e già pronto a rimettersi in gioco.

La Cassa Armonica, l’Orchestra e la cultura musicale in agonia

Quel che resta della parte culturale della festa. Una cultura musicale che va pian piano allontanandosi dai nostri piaceri. Per volontà nostra. L’Orchestra e le opere che esegue, gratuitamente (e lo voglio sottolineare), sono ormai prelibatezza per pochi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: