Maratona delle Cattedrali, danni e disagi alla circolazione. “Prima bloccati in macchina per oltre un’ora, poi 1 km a piedi con il pancione!”

Bisceglie – Nella mattinata di domenica 8 maggio, si è svolta la sesta edizione della “Maratona della Cattedrali” con i suoi canonici 42.195 Km, toccando Barletta, Bisceglie, Trani, Molfetta e Giovinazzo.
Le avverse condizioni climatiche non hanno frenato gli otre mille atleti e podisti che hanno partecipato alla manifestazione, trecento dei quali giunti per l’occasione dall’estero.
Nonostante l’invito ai cittadini della Civica Amministrazione, circa la circolazione durante le ore della gara, non sono mancati disagi e polemiche.

Riportiamo di seguito la segnalazione di una lettrice

«I programmi della giornata erano altri, avrei dovuto passare una piacevole domenica in compagnia della mia famiglia e dei miei amici, ma la disorganizzazione e la mancanza di rispetto hanno avuto la meglio su tutto il resto.
Premetto sono al sesto mese di gravidanza, non posso fare sforzi o agitarmi inutilmente.

Ero diretta a Torre Calderina per una la festa di compleanno di un caro amico. Allo svincolo della SS. 16 bis c’era una lunga fila di auto in sosta che non consentivano di proseguire verso la mia meta.
In un primo momento gli ausiliari del traffico ci hanno chiesto di attendere, per far proseguire la maratona e poter riprendere la viabilità.
Altre auto sono sopraggiunte formando velocemente un’enorme fila. A bordo c’erano anziani, bambini piccoli e un signore che trasportava una torta e beni alimentari deperibili.

Abbiamo spiegato la situazione ai vigilanti, che hanno ignorato le nostre esigenze lasciandoci per oltre un’ora bloccati all’interno delle auto.
Non avendo contezza di quanto altro tempo sarei stata costretta a restare nell’abitacolo, non avendo alternative d’uscita ho parcheggiato l’auto nell’area di sosta adiacente, per proseguire a piedi per oltre un kilometro sotto la pioggia nonostante il pancione.

Altre persone mi hanno seguito verso la stessa location, alcune erano ragazze con passeggini e bambini molto piccoli.

Non sono mancate reazioni di concitazione e rabbia da parte di altri automobilisti verso gli ausiliari, esasperati dalla surreale gestione, dall’indifferenza degli operatori preposti alla vigilanza e dalle gravi lacune dell’organizzazione».

VINCENZO DE MARINO

2 thoughts on “Maratona delle Cattedrali, danni e disagi alla circolazione. “Prima bloccati in macchina per oltre un’ora, poi 1 km a piedi con il pancione!”

  1. Basta lamentarsi bastaaaaaaaaaaa !
    È un evento annuale….voi automobilisti e divanisti…. organizzatevi prima .

  2. E’ una volta all’anno. Si sa da giorni Ci sono gli avvisi. C’era scritto sui giornali locali (che la signora sta utilizzando per protestare quindi non può dire di non esserne a conoscenza). Per un giorno all’anno non si muore se da quelle strade non si può passare. Posso capire un’emergenza, ma una festa di compleanno non lo è assolutamente. Bastava aspettare o fare altre strade. Invochiamo il turismo come risorsa economica preziosa e poi quando arriva gente da tutta Italia ed Europa rompiamo le scatole perchè ci da fastidio cambiare le nostre abitudini. Meditate prima di aprire bocca e nascondersi dietro ad un “pancione”…!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Appalti ristrutturazione stazione Bisceglie, il clan dei Casalesi sarebbe implicato nei lavori. Rete Ferroviaria Italiana “parte lesa”

Sarebbe Leonardo Loiacono il funzionario di rete Ferrovia Italiana e direttore dei lavori della TEC Srl arrestato dai Carabinieri di Napoli il presunto collettore tra il famigerato clan camorristico dei “casalesi” e gli appalti per le ristrutturazioni e ampliamento delle stazioni ferroviarie di Molfetta, Trani, Bisceglie, Santo Spirito, bari Nord, Barletta e Taranto. Loiacono è […]

Crac ‘Casa Divina Provvidenza’, tre imputati assolti in appello

La Corte di Appello di Bari ha assolto “perché il fatto non sussiste” i tre imputati nel processo-stralcio con rito abbreviato per il crac da 500 milioni di euro della vecchia gestione della casa di cura ‘Casa Divina Provvidenza di Bisceglie’. In particolare i giudici hanno ritenuto insussistente l’accusa di concorso in bancarotta preferenziale contestata […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: