Consiglio comunale monotematico su ospedale, approvato all’unanimità ordine del giorno

Si è concluso con la votazione all’unanimità dei presenti di un ordine del giorno (che si allega) il consiglio comunale svoltosi nel pomeriggio di oggi sulla situazione del presidio ospedaliero “Vittorio Emanuele II” di Bisceglie. Ai lavori hanno partecipato la Direttrice Generale della Asl Bt, Dott.ssa Tiziana Dimatteo, la Direttrice sanitaria dell’ospedale di Bisceglie, Dott.ssa Pierangela Nardella, che hanno esposto il cronoprogramma già in atto per il ritorno graduale alle attività ordinarie del nosocomio, compatibilmente con l’andamento della pandemia.

Le Dott.sse Dimatteo e Nardella hanno spiegato che, ripartita l’attività di ricovero in elezione della chirurgia generale, prossima quella in elezione di ortopedia, l’obiettivo prioritario è la riapertura del percorso no-Covid (oltre a quello Covid) del pronto soccorso, garantendo la possibilità di ricoverare i pazienti no-Covid riattivando quanto prima i posti letto no-Covid di medicina, ortopedia e cardiologia. La direttrice generale della Asl Bt e la Direttrice Sanitaria dell’ospedale di Bisceglie hanno sottolineato che la disposizione, già adottata negli ospedali della Bat, di gestire all’interno dei reparti i pazienti covid asintomatici sta consentendo di decongestionare da pazienti Covid il “Vittorio Emanuele II”, passaggio necessario per l’attivazione dei percorsi no-Covid previa rifunzionalizzazione della struttura.

Nella seduta, oltre ai consiglieri comunali, sono intervenuti i consiglieri regionali Francesco La Notte, Debora Ciliento e Francesco Ventola oltre al Presidente Nazionale del Tribunale per la tutela dei diritti del cittadino e del malato, Diego Rana.

“È stato importante ascoltare dalla Direttrice Generale della Asl Bt e dalla Direttrice sanitaria dell’ospedale di Bisceglie che procede il percorso graduale di ritorno alle normali attività del nostro ospedale, con riferimenti progressivi a tutte le unità operative compreso il punto nascite, così come peraltro avevamo già condiviso con la Dott.ssa Dimatteo nell’incontro avuto a Palazzo di Città il 13 aprile”, ha sottolineato il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano, ringraziando le Dott.sse Dimatteo e Nardella, unitamente ai consiglieri regionali e tutti gli intervenuti. “Gli impegni assunti dalla Dg sono quindi stati rispettati. È emerso inoltre che si stanno bandendo i concorsi per il personale, altro passaggio necessario e fondamentale per il ritorno alla normalità nel migliore dei modi, così come i tanti investimenti che stanno riguardando il Vittorio Emanuele II, ultimo dei quali quello per la casa di comunità che si somma a quelli per l’ampliamento della terapia intensiva e l’attivazione della nuova sala della unità operativa di Rianimazione, per il pronto soccorso, per le rifunzionalizzazioni delle Unità operative di Pneumologia, Medicina e Malattie infettive, per le quali è stata già realizzata la progettazione esecutiva. Naturalmente continueremo a tenere alta l’attenzione sulla prosecuzione dell’iter di riapertura dell’ospedale nell’interesse pubblico di garantire alla cittadinanza di poter tornare a contare sul proprio nosocomio e su adeguati livelli di cure e assistenza. Continueremo inoltre a seguire la procedura per la realizzazione sul nostro territorio comunale del nuovo ospedale del Nord-Barese”, ha concluso il Sindaco Angarano.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Bilancio approvato, Spina: «Un disastro, nessuna opera in 5 anni, tante tasse e un cimitero che sorgerà in centro abitato»

«Cronaca di un disastro amministrativo. Adottato in un clima surreale, tra i pochi consiglieri rimasti, l’ultimo bilancio preventivo del quinquennio della SVOLTA: un disastro con nessuna opera in 5 anni, tante nuove tasse e un nuovo cimitero con 5000 loculi e tanto cemento accanto a “carrara Salsello” in pieno centro abitato. Ieri, in seconda convocazione […]

Regolamento Tari, Capurso (Il Faro-Pci): eliminate alcune agevolazioni e in alcuni casi il Comune incassa il doppio

«Dopo celebrazioni e consigli più politici, si torna in consiglio a discutere di provvedimenti specifici, uno dei quali ha riguardato il regolamento TARI. Si tratta di un regolamento che contiene ancora troppe incongruenze e ingiustizie che non vengono risolte. Ad esempio, secondo l’attuale regolamento, se un giovane va via da casa per vivere da solo […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: