Bilancio approvato, Spina: «Un disastro, nessuna opera in 5 anni, tante tasse e un cimitero che sorgerà in centro abitato»

«Cronaca di un disastro amministrativo. Adottato in un clima surreale, tra i pochi consiglieri rimasti, l’ultimo bilancio preventivo del quinquennio della SVOLTA: un disastro con nessuna opera in 5 anni, tante nuove tasse e un nuovo cimitero con 5000 loculi e tanto cemento accanto a “carrara Salsello” in pieno centro abitato. Ieri, in seconda convocazione Angarano & co. sono riusciti ad approvare il bilancio di previsione 2022 , l’ultimo che potrà essere gestito dalla “svolta” prima delle elezioni del 2023. Nessuna opera nuova, nessuna imminente apertura del Teatro Garibaldi, nessun evento estivo, con Bisceglie destinata ad ammirare gli eventi delle città limitrofe con i “Maneskin” a Trani, Gucci ad Andria e Bisceglie, invece, che non può permettersi neanche una derattizzazione , una deblattizzazione , qualche servizio igienico sulla litoranea (i bagni chiusi), e con le palme tutte secche che fanno da cornice al litorale (altro che estate biscegliese).

Nessun progetto per la città, ma solo vuote parole di vanto del sindaco per le opere dell’amministrazione Spina, contro cui lui stesso, ironia della sorte, ha votato negli anni scorsi opponendosi alla loro realizzazione: via Aldo Moro, il mercato in corso di realizzazione a via san Martino, il “water front” del porto che questi signori nemmeno riescono a gestire in via ordinaria, con gli arbusti cresciuti lungo le mura prospicienti il porto .

Come “dolce” finale per i cittadini, poi, Angarano ha annunciato le nuove tasse e tariffe: le imprese tessili dovranno pagare la “tari” salatissima per lo smaltimento degli scarti tessili, le associazioni culturali e sociali dovranno pagare 350 euro per la concessione di una serata all’anfiteatro. Insomma, un tirare a campare con le risorse dei cittadini che verranno distribuite solo per i contributi alle associazioni dei loro consiglieri, per qualche evento nel borgo antico e magari qualche colata di cemento nella zona “165”. Per il resto la città può continuare ad agonizzare tra miriade di debito fuori bilancio (riconosciuti anche ieri) e con la maggioranza ai minimi numeri arroccata sulle sue poltrone, che ha chiuso la seduta di ieri con 11 consiglieri e la minoranza che si è allontanata per non condividere, neanche con un voto contrario, i danni irreversibili che questi signori stanno facendo con un nuovo cimitero con 5000 loculi accanto a quello preesistente, in pieno centro abitato tra ville e case abitate da decenni in zona “carrara Salsello”. Tanto, dice il duo della SVOLTA Angarano-Silvestris: non è a noi!”».

Lo scrive in una nota il consigliere comunale Francesco Spina.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Aumenti Tari, Spina: «Offeso da Angarano solo per aver scoperto la sua ennesima bugia»

«Offesi volgarmente dal Sindaco in crisi di nervi solo per aver scoperto l’ennesima bugia, nell’esercizio legittimo delle prerogative consiliari. Nella giornata di oggi (ieri, ndr) ho avuto decine e decine di messaggi di solidarietà per il volgare attacco personale fatto da un sindaco nell’esercizio delle sue funzioni, approfittando del ruolo istituzionale che non consente per […]

“Spazio Civico”: bene la partecipazione del Comune di Bisceglie al Bando Regionale sul Digital Divide

“Prendiamo positivamente atto che il Comune di Bisceglie (con delibera di giunta n. 185 del 24 giugno 2022) ha deciso di partecipare al Bando regionale sul Digital Divide, come da noi proposto ed auspicato il 21 giugno u.s. (LEGGI QUI). È importante che un’Amministrazione Comunale ascolti le proposte civiche, cui si riconosce valore politico. È […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: