Il Bisceglie batte il Nola, ma non basta: finisce penultimo e retrocede

– Il 22 maggio si conferma data nefasta per il Bisceglie Calcio. Ad un anno esatto dalla beffarda sconfitta di Pagani nel ritorno del playout che decretò l’abbandono del professionismo dopo 4 campionati, i nerazzurri concludono amaramente il loro percorso nel girone H di serie D al penultimo posto e retrocedono in Eccellenza. La rotonda affermazione al “Ventura” (terza consecutiva tra le mura amiche) sul Nola non è sufficiente ad acciuffare in extremis lo spareggio salvezza a causa del concomitante colpaccio della diretta concorrente San Giorgio in quel di Caserta. Termina così un’annata densa di rimpianti e di recriminazioni per il sodalizio stellato, atteso ora da un periodo di profonda riflessione per il futuro.

La cronaca. Bisceglie pericoloso già al 3’ con Sandomenico, la cui conclusione a botta sicuro nel cuore dell’area è murata da un difensore campano. Replica ospite al 6’ con la rovesciata di Coratella a lato. Un minuto più tardi il sinistro al volo di Divittorio dai 20 metri supera la traversa, mentre al 9’ lo shoot di Tuttisanti è bloccato a terra da Mariano. Nerazzurri daccapo pericolosi al 14’ con la soluzione di testa di Marino sfilata sulla sinistra della porta nolana. Al 19’ Acosta sottrae palla e D’Orsi e prova ad involarsi a rete, a è atterrato dallo stesso difensore avversario che rimedia il cartellino rosso per aver stoppato una chiara azione da gol. L’episodio galvanizza ulteriormente l’undici di Ivan Tisci, abile a spezzare l’equilibrio alla mezz’ora con l’elevazione vincente di Acosta su perfetto cross dalla sinistra di Divittorio. Nemmeno tre giri di lancette ed il Bisceglie raddoppia con Crisci, che beneficia di un morbido invito di Acosta ed anticipa Mariano in uscita con un tocco sottomisura. Al 38’ arriva il terzo gol nerazzurro, con Acosta implacabile nell’incornare il suggerimento di Sandomenico. Il Bisceglie cala il poker al 44’: spunto personale sull’out destro di Izco che apparecchia a centro area per il guizzo perentorio di Sandomenico.

Nella ripresa, complice il risultato acquisito e la temperatura elevata, si gioca a ritmi blandi e con le orecchie rivolte alla gara del “Pinto”, da cui non arrivano però riscontri incoraggianti per il Bisceglie. L’attaccante ospite Coratella tenta invano due volte di superare Zinfollino, subentrato a Martorel, quindi l’ultimo spunto è di Caliendo (18’, conclusione mancina a lato). Al triplice fischio del laziale Di Mario la squadra resta a bordocampo per qualche minuto in un clima surreale, poi il “Ventura” sprofonda in una sconfinata delusione alla notizia del successo finale del San Giorgio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Asd OltreSport, il quadrangolare di Roma segna il battesimo in panchina di mister Di Gennaro

Prende le mosse dalla Capitale il nuovo capitolo del percorso dell’Asd OltreSport. La prima competizione ufficiale successiva alla Final Four scudetto di Jesolo vedrà la compagine di powerchair football con sede a Trani cimentarsi sabato pomeriggio nella prima edizione della “SMA SPACE CUP2022”. Organizzato da FamiglieSMA nel palasport romano della Fondazione Santa Lucia, il quadrangolare […]

Lions Bisceglie, il bilancio della stagione. Il presidente Papagni: «Ci aspettiamo maggiore considerazione dalle istituzioni»

È destinata ad andare in archivio ufficialmente il 30 giugno, secondo le convenzioni. La stagione agonistica 2021-2022 ha avuto termine, nel concreto, con l’ultima gara ufficiale giocata da un team del settore giovanile, l’Under 14 che ha conquistato il titolo regionale oro nel corso dei Final Days di Bari. I Lions Bisceglie sono pronti a […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: