Sanità: Cimo, mancano 90 medici nei pronto soccorso della Puglia. Solo Bisceglie rispetta il fabbisogno

Nei pronto soccorso della Puglia mancherebbero all’appello almeno 90 medici, pari al 40% del fabbisogno complessivo calcolato per il triennio 2020-2022, che ne prevede almeno 225 in servizio. E’ quanto riportato in uno studio elaborato dal sindacato dei medici Cimo Puglia. “Un numero – si legge nel report – in ogni caso sottostimato, poiché non tiene in considerazione i pronto soccorso di Foggia e le strutture spoke”.

Secondo il monitoraggio Cimo, nell’ospedale di Barletta mancherebbero 13 medici, la situazione più grave; segue Brindisi con 12 medici, Santissima Annunziata di Taranto e Vito Fazzi di Lecce dove mancano 10 medici a testa, segue il Policlinico di Bari con 8. L’unico pronto soccorso a rispettare il fabbisogno sarebbe quello Bisceglie, dove risultano in servizio tutti i 12 medici ritenuti necessari. “Il blocco delle assunzioni, stabilito dall’assessore ignorando ancora una volta qualsiasi tipo di confronto con le sigle sindacali, è l’ultimo affronto a medici e professionisti sanitari”, commenta Arturo Oliva, segretario Cimo Puglia. “La carenza di personale – aggiunge – è grave in tutti i reparti ospedalieri, ma non si può continuare ad ignorare quello che sta accadendo nei pronto soccorso”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Rinnovo concessioni ambulanti, sarà la fine di un incubo chiamato Bolkestein?

Ore di intenso lavoro parlamentare per addivenire alla stesura definitiva delle regole finalizzate al rinnovo delle concessioni ambulanti. Il 29 giugno 2022 è scaduto il termine dell’ultima proroga delle concessioni per il commercio sulle aree pubbliche ma sono tantissimi ancora i comuni italiani che non hanno completato le procedure di rinnovo automatico delle concessioni al […]

Legambiente pubblica il dossier Mare Monstrum 2022: Puglia 3^ nella classifica del “mare illegale”

Non si ferma l’assalto al mare e alle coste italiane ma anzi, il quadro della situazione dell’Italia post lockdown si fa ancora più desolante. Abusivismo edilizio, deficit di depurazione e inquinamento, assalto al patrimonio ittico e alla biodiversità. Illeciti penali e amministrativi illustrati nel dossier Mare Monstrum 2022, il rapporto elaborato da Legambiente sulla base dei dati di Forze dell’Ordine e […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: