Bagni chimici, gruppo “Spazio Civico”: organizziamoci per i prossimi anni

Siamo felici che Bisceglie abbia avuto la Bandiera Blu per le spiagge di Salsello e la Salata; e siamo contenti che siano stati aggiunti servizi igienici sulla nostra litoranea.

Sempre in ottica propositiva e di miglioramento dei servizi offerti, vogliamo richiamare l’attenzione degli Amministratori e della cittadinanza sull’impatto estetico che ha provocato l’installazione dei bagni chimici rossi-verdi-grigio-bianchi in plexiglass aggiunti su tutto il litorale.

La proposta di Spazio Civico.

Al fine di migliorare l’impatto estetico dei bagni chimici, proponiamo di mutuare gli stessi principi che codesto Comune chiede alle occupazioni dehors, ovvero:

–          Armonicità della struttura con il contesto in cui viene installata (in quanto la stessa va costituire anche arredo urbano),

–          L’utilizzo di colori specifici a seconda della zona in cui ricade l’installazione, con predilezione di strutture in legno (come avviene per i chioschi) invece che in plastica.

O magari, visto che i bagni chimici installati sono in noleggio e non acquistati a titolo definitivo, perché non sostituirli con un modello più adeguato magari che richiami un paesaggio più naturalistico e non un cantiere edile?

Dal punto di vista economico invece, nella Seconda Spiaggia, ma anche in altre spiagge biscegliesi (ad es. vicino la Balconata e all’Anfiteatro), sono presenti dei locali in pietra perfettamente integrati con la spiaggia, per i quali abbiamo sostenuto a suo tempo un costo per la realizzazione; successivamente un ulteriore costo per l’intervento di muratura, per poi vederli chiusi e inutilizzati.

Ma allora perché non recuperare questi locali e metterli a norma e a servizio dei cittadini?

Si andrebbe a valorizzare l’investimento fatto anni orsono, migliorare la bellezza della spiaggia e completare i servizi offerti creando altre spiagge attrezzate con bagni e docce; quindi risparmiare sui canoni di noleggio dei bagni chimici dei prossimi anni.

Per quanto riguarda la gestione degli stessi, si potrebbe fare come a Salsello, ove la gestione dei servizi igienici è data in concessione onerosa a terzi; o, meglio ancora, si potrebbero utilizzare i percettori del reddito di cittadinanza.

Se si teme che questi locali possano venire usati in maniera impropria, allora si potrebbero mettere dei mezzi di controllo, videosorveglianza o installare (mai fatto prima) porte o cancelli per mettere in sicurezza l’area.

Siamo consci che per farlo occorra del tempo, ma se c’è la volontà politica si può fare tutto, anche realizzare una spiaggia ex novo!

Sarebbe bello se, oltre a occuparsi della litoranea di ponente (vedasi spiagge zona Anfiteatro e per ultimo gli ulteriori “lavori straordinari” per € 27.000 euro riservati alla sola zona di ponente – Del. di Giunta Comunale n. 127/2022), si facesse anche qualche intervento importante nella più “sfortunata” zona di Levante. E magari chissà, riuscire un giorno ad avere la bandiera blu (o anche la bandiera lilla) in queste spiagge meno “blasonate”.

Sicuri di aver portato all’attenzione generale una opinione condivisa da tanti biscegliesi, porgiamo i nostri più cordiali saluti.

Per Spazio Civico: Cinzia Crichigno, Leonardo Di Leo, Vincenzo Arbore, Antonio Salerno, Lucia Monopoli, Pasquale Losciale, Claudia De Pace, Angelica Lopopolo, Leonardo Di Molfetta e altri concittadini.”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Comunità energetiche: “Nella Bat si dimostri di sapere essere classe dirigente”

“Anche la Bat e le sue comunità locali, hanno il dovere di dimostrare di saper essere classe dirigente. Sarebbe opportuno, per esempio, che all’interno delle tecnostrutture di ogni comune del territorio, si possa costituire una sezione apposita che si occupi specificatamente dello sviluppo delle comunità energetiche nei nostri quartieri e nelle aree industriali”. L’idea o […]

Crisi economica, Spina: «Subito un piano di solidarietà per la città»

«Tra uno che dorme e l’altro che, dopo cinque anni di Governo, sogna (o fa finta), chi lavora per il Comune? Angarano e Silvestris non perdano tempo in chiacchiere e in aumenti degli stipendi. Adottino subito un piano di solidarietà per la città, per le famiglie e per i commercianti. Hanno dichiarato di avere milioni […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: