Vetrata Anfiteatro rotta, Spina: «Naglieri, assessore alla rissa e alla calunnia politica, chieda scusa al musicista…»

«Non replicherò alle solite offese intimidatorie e attacchi personali senza risposte di merito di Angarano & Co, ormai in preda a una perenne crisi di nervi, ma continuerò a difendere le ragioni dei cittadini. Ieri sera, invece di giungere le scuse di Angarano ai giovani artisti dell’orchestra provinciale per il pericolo scampato causato da una caduta di una vetrata al Teatro Mediterraneo su un corista sabato scorso, è giunto, puntuale, l’attacco del “mazziere“ di Angarano al sottoscritto.

L’assessore “alla rissa e alla calunnia politica” Naglieri, di cui non ricordiamo in 4 anni un atto amministrativo degno di nota ma solo offese e minacce per profferire le quali viene pagato lautamente con lo stipendio di assessore, attribuisce al sottoscritto (non più sindaco da 6 anni) ogni responsabilità solo perché fa onestamente l’opposizione senza offendere nessuno.

In passato Naglieri ha trascorso i suoi anni di vice-segrerario del Pd a sostegno di Angarano a fare denunce alle procure italiane e a far mettere sotto processo tutti gli assessori e dirigenti comunali (oltre al sottoscritto). Tutte le sue denunce si sono rivelate temerarie e infondate (calunniose?), tanto è vero che tutte le decine di denunce anche politiche, rivelatesi un flop, sono state archiviate dalla magistratura; ma loro continuano ancora con lo stesso metodo intimidatorio dimenticando, però, di essere al governo della città da ben 4 anni (si sentono ancora all’opposizione). Oggi, Angarano e Naglieri si trovano, ironia della sorte, a essere, purtroppo, loro stessi imputati in alcuni processi presso le autorità giudiziarie e non certo per denunce del sottoscritto.

Rispettando la loro condizione di imputati io non infierirò su di loro e non risponderò sul piano personale alle loro provocazioni (sarebbe facile farlo in questo momento) attendendo l’esito dei loro processi. I cittadini hanno bisogno di confronti sui problemi seri e sulle soluzioni degli stessi e non di stucchevoli risse verbali, a cui sono abituati quelli della svolta che non replicano mai nel merito, ma sviano le questioni semplicemente con offese personali. Continueremo a fare con umiltà l’opposizione fino al termine del mandato di Angarano e, se tra i tanti candidati sindaci che Angarano & Silvestris avranno di fronte a maggio 2023, temono solo il sottoscritto, diventato il loro incubo, è’ chiaro a tutti anche il motivo: hanno capito in anticipo che i cittadini non aspettano altro che questa buia parentesi amministrativa della SVOLTA finisca al più presto».

Lo scrive in un post sui suoi profili social, il consigliere comunale Francesco Spina.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Comunità energetiche: “Nella Bat si dimostri di sapere essere classe dirigente”

“Anche la Bat e le sue comunità locali, hanno il dovere di dimostrare di saper essere classe dirigente. Sarebbe opportuno, per esempio, che all’interno delle tecnostrutture di ogni comune del territorio, si possa costituire una sezione apposita che si occupi specificatamente dello sviluppo delle comunità energetiche nei nostri quartieri e nelle aree industriali”. L’idea o […]

Crisi economica, Spina: «Subito un piano di solidarietà per la città»

«Tra uno che dorme e l’altro che, dopo cinque anni di Governo, sogna (o fa finta), chi lavora per il Comune? Angarano e Silvestris non perdano tempo in chiacchiere e in aumenti degli stipendi. Adottino subito un piano di solidarietà per la città, per le famiglie e per i commercianti. Hanno dichiarato di avere milioni […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: