Gruppo Giovani 063 di Amnesty International di Bisceglie -Cineforum del 3 agosto 2022

Il Gruppo Giovani 063 di Amnesty International di Bisceglie è lieto di annunciare il suo appuntamento all’interno della programmazione annuale del Cinema sotto le Stelle, la consueta rassegna di proiezioni cinematografiche organizzata negli spazi dell’Arena Parco delle Beatitudini per allietare le calde serate estive biscegliesi.

L’appuntamento con gli attivisti di Amnesty International si terrà mercoledì 3 agosto, a partire dalle 21.00, con la presentazione e discussione del film “Flee”: la storia di un uomo, di nome Amin, che decide di rivelare per la prima volta un doloroso segreto, nascosto per oltre vent’anni.

Con una triplice candidatura agli Oscar: miglior film internazionale, miglior film d’animazione e miglior documentario, “Flee” rappresenta un’occasione unica per tornare a
parlare di chi fugge e del perché lo fa. Nel corso di questo tragico anno, contrassegnato da grandi sconvolgimenti geopolitici, la geografia delle fughe si è profondamente intensificata, andando sempre più a congestionare i corridoi umanitari a sostegno del crescente numero di profughi e richiedenti asilo.

Le nuove ondate di profughi non devono però mettere in secondo piano chi, quel viaggio di salvezza, lo ha già intrapreso da tempo; chiunque fugga da discriminazioni, catastrofi
ambientali, umanitarie e guerre deve essere accolto!
Per questo abbiamo deciso di presentarvi la storia di Amin e con la sua quella di tanti altri richiedenti asilo provenienti dall’Afghanistan e ancora oggi bloccati al confine con la Polonia e la Bielorussia.
Si tratta di ben 32 persone tra uomini, donne e bambini di cui Amnesty, da quasi un anno, si sta occupando nell’ambito della petizione: “Polonia: Proteggere gli afgani bloccati alla frontiera” Sin da subito Amnesty International ha richiesto alle autorità polacche di ammettere i richiedenti asilo sul territorio per permettere loro di ricevere assistenza e protezione, in linea con il diritto internazionale europeo.

La stessa CEDU (Corte europea dei Diritti dell’Uomo), lo scorso 25 agosto, aveva ordinato alla Polonia di rifornire il gruppo di 32 afgani di cibo, acqua, vestiti, cure mediche adeguate e possibile riparo temporaneo. Tutte richiese inascoltate!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Dipendenti del Comune senza buoni pasto da un anno

Giunge in Redazione una lettera firmata di un dipendente comunale che denuncia un increscioso e duraturo episodio: il mancato pagamento dei buoni pasto:  Tutti i dipendenti del Comune di Bisceglie, Oggi 5/10/2022, festeggiano il compleanno dei buoni pasto. E sì, è passato esattamente un anno , dal mancato ristoro  dei buoni pasto ai dipendenti del […]

“Margherita Sport e Vita” full partner italiano del progetto Erasmus+ Sport S.C.O.R.E., coinvolta la Polisportiva Cavallaro

Si chiama S.C.O.R.E., acronimo di “Sostenibilità e Opportunità per una maggiore attenzione all’ambiente attraverso l’uso della bicicletta”, il progetto del programma Erasmus+ azione KA2 co-finanziato dall’Unione Europea e che vede la Aps Asd “Margherita Sport e Vita” curata dall’esperto project manager Spartaco Grieco in qualità di Full Partner italiano. L’iniziativa è articolata in diverse tappe […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: