Elezioni: Boccia (Pd), con noi lavoro, diritti e transizione verde

Per Francesco Boccia, deputato del partito democratico e responsabile Regioni e Enti locali della Segreteria nazionale, “questa campagna elettorale dovrà far chiarezza sulle ricette alternative tra sinistra e destra”. “Mentre Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni cercano di coprire ricette economiche della peggior destra europea, ripescando proposte fallimentari e persone, come Tremonti, i cui tagli a scuola e sanità gli italiani non hanno mai dimenticato, noi siamo quelli del lavoro, della lotta al consumo del suolo quindi della difesa dell’ambiente, della sanità pubblica e della scuola pubblica, della società digitale”, ha spiegato Boccia sulla Gazzetta del mezzogiorno.

“Loro – ha proseguito – sono quelli del no all’Europa, del no all’integrazione, del no ai diritti civili e dentro queste due forme alternative di società non si può non ripartire dai temi principali di queste settimane, a partire dai problemi che gli italiani hanno”. “Stiamo chiedendo con forza di sterilizzare tutti gli aumenti perché non è possibile pagare queste bollette e sarà la nostra prima battaglia di questi giorni. Il Partito democratico propone una riduzione forte delle tasse sul lavoro, una mensilità in più per tutti i lavoratori italiani e più Europa, a differenza di Fd’I che pensa di risolvere i problemi degli italiani con meno Europa e con un’Italia che fa da sé”, ha aggiunto.

“In Puglia il Pd si è battuto per la decarbonizzazione quando la destra voltava la testa dall’altra parte e sosteneva i Riva o quando Calenda diceva ‘carbone, carbone, carbone’; non ho dimenticato Calenda re del carbone, che continua a non pronunciare la parola decarbonizzazione e noi siamo quelli che vogliono un’Ilva moderna, con dentro lo Stato, che produca in maniera innovativa”, ha concluso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Aumento stipendi a Sindaco e assessori: ecco quanto percepiranno i nostri amministratori. Ad Angarano oltre 5mila euro al mese

Tutto nasce da un decreto del Ministero dell’Interno, di concerto con quello del Tesoro, che aveva stabilito che la misura delle indennità di funzione del Sindaco, degli Assessori e del Presidente del Consiglio e dei gettoni di presenza, fosse commisurata, a decorrere dal primo gennaio 2022, alla dimensione demografica degli Enti e tenuto conto delle […]

Elezioni, D’Addato: Bisceglie il comune in cui il terzo polo ottiene la più alta percentuale in Puglia

«Una lista nuova ma con un risultato solido e decisivo. Il collegio del Senato in cui ho corso come candidata uninominale si afferma al primo posto fra i cinque in cui è suddivisa la circoscrizione pugliese. Con il 5, 53% e più di 18.000 voti, la lista Azione-Italia Viva spicca con un risultato a noi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: