La preoccupazione di Spina: “La Svolta” chiude anche il Teatro “Don Sturzo”?

«Con l’amministrazione Spina, nel 2013, fu costruito il Teatro Don Luigi Sturzo, accanto alle scuole Galileo Ferraris e Cesare Battisti. Cominciarono in città le due rassegne teatrali che richiamavano a Bisceglie le attenzioni nazionali: “il Sistema Garibaldi” di Carlo Bruni e “Scena 84” di Tonio Logoluso (proprio al Don Sturzo). Ora sembra che tutte le risorse comunali siano state concentrate sulle manifestazioni culturali di “regime” che si dividono Angarano e Silvestris, che utilizzano in modo clientelare i loro ruoli politici e istituzionali con tre assessorati a testa. Inizia l’anno scolastico, ma ai nostri ragazzi sarà interdetto per il quinto anno consecutivo, da quando sono “sindaci” in condominio Angarano e Silvestris, il teatro Garibaldi che la amministrazione Spina concedeva gratuitamente a tutte le scuole biscegliesi per attività formative e culturali e importanti progetti scolastici di crescita umana ed artistica, nonché ora anche il Teatro Sturzo.

I due sindaci in condominio, Angarano e Silvestris, mentre litigano tra loro per dividersi le risorse dei cittadini per i loro fini egoistici, stanno condannando all’oblio culturale e al degrado la città e le future generazioni. Bisceglie non può morire così . Bisceglie deve rinascere!».

Lo scrive in una nota il consigliere comunale Francesco Spina.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Aumento stipendi a Sindaco e assessori: ecco quanto percepiranno i nostri amministratori. Ad Angarano oltre 5mila euro al mese

Tutto nasce da un decreto del Ministero dell’Interno, di concerto con quello del Tesoro, che aveva stabilito che la misura delle indennità di funzione del Sindaco, degli Assessori e del Presidente del Consiglio e dei gettoni di presenza, fosse commisurata, a decorrere dal primo gennaio 2022, alla dimensione demografica degli Enti e tenuto conto delle […]

Elezioni, D’Addato: Bisceglie il comune in cui il terzo polo ottiene la più alta percentuale in Puglia

«Una lista nuova ma con un risultato solido e decisivo. Il collegio del Senato in cui ho corso come candidata uninominale si afferma al primo posto fra i cinque in cui è suddivisa la circoscrizione pugliese. Con il 5, 53% e più di 18.000 voti, la lista Azione-Italia Viva spicca con un risultato a noi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: