Vecchie Segherie Mastrototaro: Massimiliano Ancona presenta La bella e il campione. Le fiamme e il sepolcro imbiancato. Quel terribile 1991

Giovedì 29 settembre alle ore 19.00 alle Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie Massimiliano Ancona, accompagnato da Pino Di Bitetto, presenta La bella e il campione. Le fiamme e il sepolcro imbiancato. Quel terribile 1991, edizioni Wip, ingresso gratuito sino ad esaurimento posti disponibili per informazioni 0808091021 e [mailto:info@vecchiesegherie.it)]info@vecchiesegherie.it

L’Europa che cambia, le ultime “grandi guerre”, popoli in movimento e colpi di Stato. Miti dello sport, della musica e dello spettacolo lasciano gli ultimi segni indelebili del loro percorso. Il 1991 è stato un anno indimenticabile nella storia dell’umanità. Massimiliano Ancona (giornalista della Gazzetta dello Sport), lo ripercorre con il piglio dello storico, ma con uno stile sempre fresco e alleggerito da una struttura in paragrafi che consente di leggere gli eventi secondo l’ordine e l’argomento che si predilige. Così nasce “La bella e il campione. Le fiamme e il sepolcro imbiancato. Quel terribile 1991”, edizioni Wip, terza fatica letteraria di Ancona dopo “La Bari dei baresi e altre storie” (dicembre 2019) e “Biancorossonero: il derby dell’Apulia” (novembre 2020). E proprio l’attenzione per gli eventi riguardanti la Puglia e Bari rappresentano alcuni tra i tratti più interessanti del libro, nonché lo spunto per il titolo. Dal rogo del Teatro Petruzzelli (“le fiamme”) con la conseguente vicenda giudiziaria che causò la chiusura del Politeama per 18 anni, allo sbarco in massa nel capoluogo pugliese degli albanesi (il “sepolcro imbiancato”) a bordo della motonave Vlora, dal debutto sul grande schermo di Monica Bellucci (“la bella”, protagonista de “La riffa”, pellicola ambientata proprio nel capoluogo pugliese) fino agli eventi calcistici: la retrocessione del Bari più “costoso” dell’era Matarrese, avvenuta nonostante l’acquisto più oneroso dell’epopea biancorossa, l’inglese Davide Platt (il “campione”). Quindi, la storica finale di Coppa dei Campioni disputata allo stadio San Nicola, tra i francesi dell’Olympique Marsiglia e gli slavi della Stella Rossa Belgrado. Un incontro che riassume l’intero spirito dell’opera: tensioni, ma anche fratellanza, clamorose cadute e poderose resurrezioni. Tutto questo è stato il 1991: riviverlo ai giorni nostri lascerà nel lettore un’incredibile sensazione di attualità.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Vecchie Segherie Mastrototaro: lunedì 5 dicembre Paolo Nespoli in esclusiva regionale

Lunedì 5 dicembre alle ore 19.30 Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie ospitano, in esclusiva regionale, l’Ingegnere Aerospaziale e Astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea, Paolo Nespoli che presenta il suo romanzo L’unico giorno giusto per arrendersi, Mondadori, accompagnato dalla giornalista Elvira Serra (ingresso gratuito per informazioni per informazioni 0808091021 e [mailto:info@vecchiesegherie.it)]info@vecchiesegherie.it). La frase “L’unico giorno giusto per arrendersi è l’ultimo”, vergata a mano sul frontespizio di […]

Andrea Simone De Nicolò pubblica un libro su Aldo Gigante. In programma anche tre opere che saranno eseguite a Bisceglie

Aldo Gigante fu una figura di spicco del secolo scorso nel panoramica musicale del nord Barese. Nativo di Molfetta, operò soprattutto a Bisceglie ove formò generazioni di bambini e ragazzi al pianoforte ed alla musica, che poi sono divenuti apprezzati professionisti del territorio e musicisti, tra i quali il celebre Riccardo Muti. Del noto artista […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: