Bollette pazze, assessore Rigante: «Vale l’avviso pubblicato a maggio…»

Ben prima che scoppiasse l’emergenza bollette, l’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Angarano aveva pubblicato un avviso per l’erogazione di contributi per il pagamento di bollette, con una copertura economica di 363.138,12 euro, in favore di nuclei familiari in difficoltà economica. L’avviso è tuttora aperto e lo sarà entro i limiti di disponibilità delle risorse economiche. Le domande possono essere presentate online attraverso la piattaforma informatica accessibile dal sito del Comune di Bisceglie, nella sezione AVVISI collegandosi al seguente link https://serviziadomanda.resettami.it/bisceglie/

L’intento dell’Amministrazione è estendere il bando anche alle attività commerciali in difficoltà. Non è nostro interesse entrare in polemiche sterili, strumentali e infruttuose. Ciò che ci riguarda è leggere i bisogni del territorio e lavorare per soluzioni concrete. Speculare politicamente su una situazione molto delicata che sta riguardando le famiglie, le attività commerciali e le aziende per fare campagna elettorale non va nella direzione di sostenere le famiglie biscegliesi in un momento di grande emergenza ed è un modo di fare politica che non ci appartiene”. Lo dichiara Roberta Rigante, Assessore all’inclusione sociale del Comune di Bisceglie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

L’assessore Naglieri giustifica il mancato riconoscimento del premio “Comuni ricicloni” della Legambiente

“Per l’edizione 2022 del premio Comuni Ricicloni di Legambiente, diversamente dagli anni passati, i parametri considerati sono stati il superamento della percentuale di raccolta differenziata del 65% e la produzione pro-capite di rifiuto secco avviato a smaltimento (massimo 75 kg all’anno per ogni abitante). Ciò ha determinato che l’importante riconoscimento sia passato da 113 comuni […]

Risposta Green Link parla chiaro: 30mila euro per pulire le strade durante “Libri nel Borgo Antico” e “Calici nel Borgo Antico”

«La risposta di green link è precisa. Quindi i 30 mila euro stanziati in aggiunta al canone per il centro storico sono serviti per pagare il periodo di Libri nel Borgo Antico e quello di Calici nel Borgo Antico. Il resto dell’anno il centro storico può rimanere una pattumiera? Non diamo completamente la colpa ai […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: