Sindaco e assessore Naglieri recuperano aiuola in via Tasso: ma chi se ne prenderà cura?

L’aiuola in via Tasso, nel quartiere San Pietro, era abbandonata e ridotta ad un bagno a cielo aperto per cani, simbolo di inciviltà e degrado. «Ieri mattina, in una

bella giornata di sole, l’abbiamo trasformata in un giardino fiorito con begli alberi e graziose piante, tra cui corbezzoli e rosmarino», così il Sindaco Angarano annuncia il recupero di questo spazio in una zona molto trafficata della città.
«Il merito è dell’iniziativa dell’Assessore Naglieri, con la partecipazione di un vivaio e la collaborazione di un esperto giardiniere e di alcuni volenterosi residenti.
Insieme abbiamo dimostrato che, con spirito propositivo e buona volontà, la bellezza, i colori e i profumi possono trionfare sulle cattive abitudini che generano degrado. E questo aiuta a donare un aspetto completamente diverso alla nostra Città», ha proseguito il Primo Cittadino.
Ma chi si prenderà cura di queste nuove piante? Chi provvederà ad innaffiarle un paio di volte ogni settimana? Se i nostri Amministratori non hanno provveduto ad assegnare questo compito a qualcuno, anche volontario, il loro nobile impegno di recuperare questo spazio che versava in completo stato di abbandono sarà risultato  vano, fra una trentina di giorni.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Risposta Green Link parla chiaro: 30mila euro per pulire le strade durante “Libri nel Borgo Antico” e “Calici nel Borgo Antico”

«La risposta di green link è precisa. Quindi i 30 mila euro stanziati in aggiunta al canone per il centro storico sono serviti per pagare il periodo di Libri nel Borgo Antico e quello di Calici nel Borgo Antico. Il resto dell’anno il centro storico può rimanere una pattumiera? Non diamo completamente la colpa ai […]

Zes (Zone Economiche Speciali) e le misure urgenti per Bisceglie: se ne discute in un convegno

Le ZES, Zone Economiche Speciali, sono state introdotte in Italia (decreto-legge n°91 del 20 giugno 2017, convertito in legge n°123 del 3 agosto 2017) con l’obiettivo di attrarre grandi investimenti, favorendo la crescita delle imprese già operative o la nascita di nuove realtà industriali nelle aree portuali, retroportuali, industriali e produttive, attraverso rilevanti semplificazioni delle […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: