Al via i saldi invernali, Confcommercio Bisceglie: «Occasione vantaggiosa, ma occhio alle regole»

Partiranno giovedì 5 gennaio, per terminare martedì 28 febbraio, i saldi invernali su tutto il territorio pugliese.

Ovviamente anche Bisceglie risponde all’appello e si prepara a presentare agli acquirenti vantaggiose scontistiche. A presentare l’avvio dei saldi invernali in città è il presidente Confcommercio Bisceglie, Leo Carriera.

«Da venerdì anche le attività biscegliesi prospetteranno ai propri clienti delle offerte sui prodotti in vendita. Si tratta di offerte vantaggiose che daranno respiro e linfa sia ai commercianti sia agli stessi clienti che gioveranno di prezzi allettanti, molto importanti in questo periodo storico».

Carriera ricorda alcuni principi base, riportati anche da Confcommercio nazionale, a proposito dei saldi: «la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme. Rimessa alla discrezionalità del negoziante anche la prova dei capi. Vanno favoriti i pagamenti cashless. I capi proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Infine vi è l’obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale».

«Sicuramente assisteremo a un incremento del fatturato – spiega Francesco Capurso (La Fiorente) – ma il fatto che partano già il 5 gennaio è deleterio: l’inverno deve ancora arrivare, dunque non sono più saldi di fine stagione, ma ormai di inizio stagione. Ma ci adeguiamo: partiremo con il 30% di sconto per poi arrivare al 50%. Prevediamo però una risposta molto positiva. Ci auguriamo che vengano rispettate le regole e che i saldi vengano effettuati da tutti con criterio e rispetto delle norme perché in alcune attività abbiamo intravisto la dicitura ‘Saldi’ già prima di Natale. Questo non è consentito dalla legge. E chi è preposto al controllo di tale irregolarità non si è attivato per il rispetto delle regole».

«In realtà gli sconti sono partiti già dal 24 novembre con il black friday e non si sono più fermati. Se questa procedura dovesse continuare senza alcun tipo di controllo, le date di inizio saldi avranno poca importanza per il futuro – sostiene Sabino Galantino (Boutique Galantino) – Lo si evince dai dati negativi degli acquisti a saldi riportati dalle varie agenzie di stampa della scorsa stagione».

«I saldi? Siamo tutti contro, ma ne abbiamo tutti bisogno per esigenze di liquidità e per far diminuire le scorte di magazzino in modo da poter rinnovare gli articoli nel momento in cui vedremo le nuove collezioni per il prossimo inverno (cioè fra una settimana) – spiega Nicola Papagni (Pellicceria Papagni) – Il caldo prolungato, e l’inflazione aumentata in maniera esponenziale hanno contratto le vendite del settore tessile/abbigliamento, di conseguenza sarà fondamentale quello che accadrà nei prossimi 50 giorni. Personalmente ritengo che un passo indietro sia impossibile farlo, sicuramente nelle sedi adeguate il nostro sistema dovrà trovare gli antidoti e gli anticorpi all’emorragia per le chiusure delle attività».

«Le aspettative sono alte: speriamo si traducano in concreta realtà – è quanto afferma Nicola Rubini (Rubini Abbigliamento) – Siamo danneggiati, come settore abbigliamento, dal clima che non è proprio dei più invernali e, trattandosi di saldi invernali, è comprensibile nutrire timori. Per quanto riguarda le regole applicate ai saldi credo siano da rivedere: appartengono a un’altra epoca storica. Multare chi espone cartelli all’esterno in periodo extra saldi ma poi raggiungere la propria clientela con messaggini e attraverso canali social è anacronistico per quanto giusto nel merito».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Bonus acqua potabile: domande fino al 28 febbraio

Dal sito fiscomania.com. E’ stato confermato anche per il 2023, il bonus acqua potabile, volto diminuire il consumo di plastica: con questo credito d’imposta infatti viene sostenuta la spesa per acquistare sistemi di filtraggio o mineralizzazione, oppure di raffreddamento e addizione di anidride carbonica per l’acqua di casa. I fondi stanziati ammontano a 1,5 milioni di euro, rispetto […]

A Bisceglie arriva il primo nato nel nuovo reparto di Ostetricia

Prima nascita oggi nel reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale “Vittorio Emanuele II” di Bisceglie inaugurato lo scorso 31 gennaio dopo i lavori di riqualificazione. Il piccolo di chiama Nathan ed è nato alle 12:11 di oggi. Pesa poco meno di 3,4 chili ed è lungo 50 centimetri. “Sua mamma Milena sta bene”, fa sapere […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: