Tari, ass. Naglieri: “Rimasta stabile con nostra Amministrazione diversamente dal passato”

“Repetita iuvant, dicevano i latini. Visto che qualcuno continua a strumentalizzare ogni cosa, giova a tutti ricordare che quando si parla di TARI nella nostra città, gli unici aumenti, veri, certificati e pesantissimi, che si sono registrati negli ultimi anni sono quelli approvati dalla precedente amministrazione”. Lo dichiara l’Assessore Gianni Naglieri.

“Come si evince da una semplice analisi comparativa fatta, a titolo di esempio, dal 2014 al 2018”, aggiunge l’assessore alle attività produttive del Comune di Bisceglie. “L’aumento di tassazione a danno dei biscegliesi in quegli anni è decisamente imbarazzante mentre il sindaco che allora guidava l’amministrazione, oggi consigliere di opposizione, continua nel suo quotidiano ‘polpettone’ propagandistico. La Tari con l’Amministrazione Angarano dal 2018 ad oggi non è aumentata ma è rimasta stabile. Cosa che ogni cittadino può verificare semplicemente confrontando le cartelle. Il servizio è migliorato in efficienza e qualità e meglio del passato si riescono a realizzare importanti economie a vantaggio delle risorse finanziarie disponibili”.

“Per quanto riguarda invece la richiesta dei commercianti, che il consigliere di opposizione cerca inopportunamente di strumentalizzare, rinnoviamo la disponibilità dell’Amministrazione ad ascoltare e sostenere il comparto, come fatto sinora”, sottolinea l’Assessore Naglieri. “Ricordiamo infatti che il Comune di Bisceglie, investendo ingenti risorse proprie, circa 2.1 milioni di euro, ha approvato una manovra tributaria senza precedenti proprio in favore dei commercianti colpiti dal lockdown, prevedendo significativi sgravi e riduzioni corpose non solo della Tari (per tutto il 2020 e non solo nei mesi di chiusura delle attività) ma anche di Imu e Tosap. È in lavorazione un altro bando che possa consentire di destinare altre risorse alle famiglie in difficoltà, sostenendo gli acquisti nei negozi di vicinato come forma di supporto al comparto del commercio. E certamente non lesineremo altre misure se ne avremo la possibilità. Il tutto sempre ascoltando e dialogando con le associazioni di categoria, come sempre abbiamo fatto sinora per affrontare insieme l’emergenza sociale in corso”, conclude l’assessore alle attività produttive del Comune di Bisceglie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Contrasto alla povertà educativa e all’esclusione sociale, pubblicato l’avviso “Educare in Comune”

Il Comune di Bisceglie ha aderito al bando “Educare in comune” pubblicato dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio che mette a disposizione dei Comuni italiani 15 milioni di euro per promuovere l’attuazione di interventi progettuali, anche sperimentali, per: il contrasto della povertà educativa e l’esclusione sociale dei bambini e dei […]

Covid, da domenica 17 si torna in “zona arancione”

Da domenica prossima la Puglia passa in area arancione insieme con altre otto regioni: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Umbria e Valle D’Aosta. Restano in area arancione Calabria, Emilia-Romagna e Veneto. Lo prevede la nuova ordinanza che il ministro della Salute Roberto Speranza firmerà nelle prossime ore e che andrà in vigore […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: