Bisceglie Calcio, Spina a Canonico: i professionisti non possono avere contributi comunali

«Da 8 mesi non sono più sindaco di Bisceglie. Ma non posso stare zitto anche se le accuse riguarderebbero principalmente l’assessore allo sport Rachele Barra che oggi sostiene il candidato Gianni Casella e che, quindi, potrei evitare di difendere per la solita ipocrisia politica che non mi appartiene . Ricordo all’amico Nicola Canonico che le società professioniste non possono ricevere contributi comunali e che il 9 settembre ho lasciato uno stadio trasformato e reso agibile a tempo di record per la serie c. Il Francavilla purtroppo , pur giocando da 2 anni a Brindisi per la mancata omologazione del suo stadio, ci ha battuti per un punto e ,quando il campo ci da’ torto, non bisogna cercare la causa altrove. Invece, complimenti per la salvezza raggiunta e per quei tantissimi tifosi che, anche se non si possono permettere il biglietto allo stadio per le difficoltà economiche, continuano a sostenere con affetto il Bisceglie Calcio senza differenze di carattere politico o personale . In bocca al lupo per un grande campionato l’anno prossimo!».

Lo ha dichiarato l’ex Sindaco Francesco Spina in risposta alle ultime dichiarazioni in merito alla questione rilasciate da Canonico.

Annunci

Radio, stasera a “CentroCampo” spazio a Canonico e alla Promozione del Don Uva

Ultima puntata del palinsesto stagionale di “CentroCampo” davvero imperdibile per tutti gli sportivi biscegliesi. L’odierna trasmissione di Radio Centro (Fm 93.1, www.rcsbisceglie.it, IN DIRETTA SULLA PAGINA FB “Radio Centro Bisceglie”) condotta da Pino Di Bitetto e Mino Dell’Orco, con la regia di Mimmo Losapio e Giacomo Pedone, inizierà alle 19.35 con l’intervista esclusiva in diretta al presidente del Bisceglie Calcio Nicola Canonico (in foto E. Mastrodonato). Assieme al massimo dirigente nerazzurro stellato verrà analizzato il campionato concluso ieri con la bella affermazione esterna di Fondi. Non mancheranno spunti di riflessione anche sul futuro.

Nel secondo segmento di trasmissione ampio spazio al ASD DON UVA Calcio1971, fresco di vittoria del torneo di Prima Categoria con relativo salto in Promozione. Ospite in studio sarà il presidente del sodalizio biancogiallo Giuseppe Milone, inoltre interverrà in collegamento telefonico l’allenatore Angelo Carlucci.

Oltre ai consueti aggiornamenti su basket, calcio a 5, volley, atletica e tennis, nell’ultima parte di “CentroCampo” è in programma il gradito intervento di Pasquale Musci, storico presidente del Bisceglie e già vice-presidente di Lega di serie C, per una finestra all’insegna dell’amarcord e delle sorprese.

Linea sms e whatsapp 389-4276500. Replica il martedì pomeriggio alle 14,30.

Il Don Uva Calcio torna in Promozione. Terza stagione consecutiva di successi

L’Asd Don Uva Calcio 1971 da ieri pomeriggio è in Promozione. La società guidata da Giuseppe Milone ha realizzato una di quelle imprese che è riuscita a poche squadre di calcio in Italia. Una scalata di categoria per tre stagioni consecutive. Il collega Mino Dell’Orco de “La Gazzetta” ha voluto sottolineare anche che questi eventi che epilogano al successo sportivo sono quelli «per cui vale sempre la pena raccontare il “calcio dopolavoristico”, quello con zero rimborsi, tanti allenamenti agli orari più impensabili e…tantissime birre per celebrare le vittorie di un’autentica famiglia, prima ancora di una squadra»

Complimenti a tutte le componenti dell’intero staff del Don Uva Calcio per il terzo salto di categoria consecutivo nell’arco di altrettante stagioni e benvenuta Promozione!

Maurizio Rana

Quel 7 maggio 2017, Miale racconta la rimonta di 10 punti che portò alla serie C il Bisceglie Calcio

Se l’è ricordato solo Miale. Neanche noi. E forse nemmeno il più “sfegatato” dei tifosi neroazzurri che oggi è 7 maggio. Che, come un anno fa, il Bisceglie Calcio conquistò il ritorno in serie C, fra i professioni, nel grande mondo del calcio. Se l’è ricordato e ha utilizzato parole che toccano il cuore di ogni persona, Claudio Miale; parole che, mentre riportano indietro, nel tempo, di un anno, fanno rivivere  quei momenti, facendo toccare punte di lacrime con un dito.

«Ricordo ancora quando al 90esimo la Gelbison siglò il gol del pareggio: era il 12 febbraio 2017 la vetta era ormai distante 9 punti, praticamente da li’ a poco sarebbero stati 10 punti d distacco per via di un punto di penalizzazione per pendenze pregresse della stagione precedente. Mancavano 11 partite e tornammo tristi in quel di Bisceglie.
Quella settimana, per quanto mi riguarda, fu la più importante dell’ anno: il gruppo di noi giocatori inconsciamente stava per mollare; dieci punti in 11 partite erano davvero tanti!!!

Ma quello che ha fatto la gente in quella settimana e non solo e’ stato qualcosa di straordinario. Mi fermavano davanti all’asilo e tutti i giorni mi convincevano che eravamo i più forti e che ce la potevamo fare, in palestra dal lunedì mattina non facevano altro che incoraggiarmi a non mollare perché volere e’ potere. Al supermercato i dipendenti che seguivano la squadra non avevano che atti di stima nonostante l’obiettivo fosse davvero lontano, i tanti tifosi che incontravo per strada non facevano che incitarmi e incoraggiarmi per potér regalare un sogno alla città che mancava da tanti decenni, la dirigenza tutta non ha fatto altro che credere con i fatti e con le parole nel gruppo di Uomini e non solo di giocatori.

Da quella settimana eccezion fatta per il pareggio di Potenza le abbiamo vinte tutte , le più importanti al 90 esimo contro L’Herculaneum , contro la capolista fuori casa e a Nocera.
Tutto questo non sarebbe mai accaduto se non si fosse creato quel SENSO DI APPARTENZA che la comunità e la dirigenza biscegliese è riuscita a trasmetterci.

L’ abbiamo fatto in primis per noi stessi, questo è ovvio, ma anche per la gente di Bisceglie che nei momenti di difficoltà ci ha sempre rispettato , criticato positivamente e mai offeso perché in fondo eravamo semplicemente Uomini , UOMINI che mettevano il CUORE per la loro maglia.

Buon 7 maggio, Bisceglie!».

Claudio Miale

Bisceglie Calcio, Mancini: «Se siamo da B lo scopriremo a Fondi»

Nella conferenza stampa pre gara in vista dell´ultimo match della regular season in programma Domenica pomeriggio in quel di Fondi, il tecnico del Bisceglie Gianfranco Mancini ha parlato della sfida e delle motivazioni della sua squadra in vista della prospettiva di rientrare in extremis nella griglia Play Off in caso di vittoria e concomitante risultato favorevole della sfida tra F.Andria e V.Francavilla.

“Se sarà l´ultima conferenza pre partita della stagione? Mi auguro di no. Ce lo auguriamo tutti, nella speranza di farne altre. Ci siamo preparati alla partita di Fondi con tranquillità e entusiasmo. Pensavamo fosse l´ultima settimana di lavoro e invece l´abbiamo trasformata in una settimana di lavoro intenso. Siamo consapevoli di avere una grande possibilità: andremo a Fondi per ottenere tre punti, per sperare in un traguardo impensabile ad inizio anno”.

Fonte: Alessandro Ciani Passeri (Resp. area comunicazione)