Crollo palazzina via Bruni: tre mesi di promesse, negozi in ginocchio

Era il 27 febbraio quando un’abitazione di due piani crollò a Bisceglie. Al momento del crollo, all’interno c’era   un uomo che fu recuperato vivo dai Vigili del Fuoco intervenuti sul posto. Sembra che a provocare il cedimento dell’edificio furono le fatiscenti condizioni della struttura.
L’uomo rimasto ferito nel crollo della vecchia palazzina a due piani, di solito disabitata, era un senza tetto che si era accampato per rifugiarsi dal freddo. Le sue condizioni di salute furono salvaguardate. L’edificio, che si è come sgretolato, fu posto sotto sequestro dai carabinieri, intervenuti sul posto con gli agenti della polizia municipale e i soccorritori del 118.

Da quel momento in poi, quel tratto di strada fu interrotto alla viabilità (sia veicolare che pedonale) e nonostante le numerose sollecitazioni, non è stato più ripristinato. In quella via vi sono anche attività commerciali che, come si può desumere, sono state messe in ginocchio nella loro economia commerciale.

Da troppe parti, soprattutto da quelle istituzionali, sono giunte promesse che, fino ad oggi, non sono state mantenute.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Coronavirus, in Puglia 1.419 nuovi positivi e 72 nuovi decessi

In Puglia, sono stati registrati 9.480 test per l’infezione da Sars-Cov-2 e sono stati registrati 1.419 casi positivi: 741 in provincia di Bari, 161 in provincia di Brindisi, 165 nella provincia Barletta Andria Trani, 106 in provincia di Foggia, 97 in provincia di Lecce, 135 in provincia di Taranto, 11 residenti fuori regione, 3 casi di […]

12 ore di lockdown per “BottegZone”, la singolare protesta del gruppo social biscegliese

Durante la giornata di venerdì 4 dicembre BottegZone sospenderà i gruppi social per dodici ore. Durante questo intervallo di tempo non saranno approvati post da parte dei moderatori. L’obiettivo della singolare iniziativa di protesta è quello di sensibilizzare tutti: «Il contagio non si ferma da solo», scrivono i responsabili del gruppo Social, «Troppe, troppe persone […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: