Fondi ai Comuni dal Governo, Bisceglie esclusa

Niente soldi dalla legge finanziaria per il Comune di Bisceglie. Lo si apprende di riflesso dalla polemica sollevata dal sindaco di Acquaviva delle Fonti, Davide Carlucci, circa i fondi stanziati dal governo nazionale per i Comuni italiani.

Carlucci parla a nome dell’associazione Italia in Comune Puglia e denuncia su Repubblica Bari: “perché sono esclusi automaticamente i capoluoghi di provincia e, in genere, tutte le realtà sopra i 20mila abitanti? Forse perché storicamente i comuni più popolosi sono a sud e, in questo modo, si discrimina indirettamente, e ancora una volta, il meridione? Non si capisce, inoltre, perché questo provvedimento sia stato annunciato dal ministro dell’Interno Salvini che non ha competenze a riguardo. O meglio, si spiega, con la natura tutta politica di questo atto”.

Italia in Comune Puglia ha esaminato la mappa dei comuni beneficiari. “Effettivamente su 6834 comuni – spiegano – ci sono ben 4163 del centro nord (61%) e 2671 del centro sud (39%), con il Lazio, l’Abruzzo, il Molise e la Sardegna calcolati a sud. Una sproporzione, insomma, evidente”, questo il commento di Itc Puglia. Da Giovinazzo a Bitonto, da Acquaviva a Corato, Mola di Bari e Triggiano, la lista degli esclusi è lunghissima e trasversale a tutte le province: nella Bat, spuntano Bisceglie e Canosa.
Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.