Da Bisceglie l’appello di Mario Tozzi a salvare le specie animali sul territorio italiano

Mario Tozzi, il popolare geologo e conduttore di programmi televisivi incentrati su temi ambientali e di tutela del territorio, ha un forte legame che lo unisce a Bisceglie.

Dopo aver parlato con grande trasporto ed entusiasmo del Dolmen di Bisceglie al programma “Kilimangiaro”, Mario Tozzi lancia proprio da Bisceglie il suo messaggio nella Giornata Mondiale della Terra celebrata ieri. Con il panorama della città sullo sfondo, in un video il geologo ci parla delle 4 specie animali presenti sul territorio italiano in via di estinzione che sono assolutamente da tutelare e salvare. “Sono importantissime anche per l’equilibrio dell’uomo in Italia”, ricorda Tozzi.

Le quattro specie sono: il lupo appenninico che non è più finalmente minacciato di estinzione ma c’è ancora chi lo caccia; la lontra, quasi scomparsa dal nostro Appennino; l’orso marsicano, di cui sono rimasti solo una quarantina di esemplari; la foca monaca, forse il mammifero più minacciato di estinzione.

L’Associazione Pro Natura ha pubblicato il video sulla sua pagina Facebook, lo trovate cliccando su questo link.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Associazione Baywatch: per il 2022 tre corsi da bagnino a ragazzi di famiglie in difficoltà e maggiore impegno per le persone disabili

Archiviato il progetto Spiagge Sicure 2021, l’Associazione Baywatch ha già iniziato a lavorare per il 2022, con una attenzione al sociale sempre maggiore. “I nostri obiettivi sono gli stessi di sempre, solo ogni anno più grandi: garantire la sicurezza dei bagnanti in spiaggia, rendere Bisceglie ancora più bella e attrattiva, consentire a tutti i cittadini, […]

Covid, anche la Asl Bat sospende i dipendenti non vaccinati. A casa 21 lavoratori

L’Asl Barletta-Andria-Trani ha sospeso 21 dipendenti non vaccinati contro il Covid. Il provvedimento prevede la privazione della retribuzione e di qualunque altro compenso o emolumento, fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale o, in mancanza, fino al 31 dicembre. “È un atto dovuto che arriva a conclusione di un lavoro meticoloso fatto dalla commissione aziendale -dice Alessandro Delle […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: