Una serata di beneficenza per costruire una scuola di cucina in Africa

Una serata all’insegna di suoni, costumi e balli africani, è quella che si svolgerà a Bisceglie, martedi’ 30 Luglio, alle ore 20,  presso il Casale di Pacciano.

L’ iniziativa intitolata “Costa d’Avorio in Musica” e’ stata organizzata dall’Associazione “ Casa dell’ Università” di Bisceglie, presieduta da Raffaele Zito, con l’Associazione “ IVOIRE UNION” di Turi, diretta da Moussa Bamba, in collaborazione con l’ Associazione Trekking Astrofili Physis, coordinata dal geologo Giuseppe Troilo, e la Friggitoria L’oro e Napule.

L’evento di beneficenza è a favore del progetto  “L’ Oasi della Cucina Italiana in Costa D’Avorio” e prevede anche un buffet degustativo e osservazione astronomica. Per informazioni e prenotazioni, si può telefonare ai numeri 351/81 32 700 oppure 347 12 33 982.

 

Il progetto denominato “L’Oasi della Cucina Italiana”, venne presentato in un incontro, presso l’ Associazione Casa dell’ Università’, dove venne evidenziata l’ idea di poter realizzare una scuola/ristorante per la formazione e l’ inserimento di giovani nel mondo del lavoro e per la divulgazione della cultura culinaria italiana in Costa d’Avorio.

 

L’idea nasce dalle due associazioni, con l’intento di dare un’occasione alle nuove generazioni, con una formazione professionale qualificata, purtroppo totalmente carente sul territorio. In questo modo si intende farli sentir bene nella loro terra di origine, fieri e realizzati, superare le difficoltà anche più grandi, frustrazioni e umiliazioni, per contribuire al contrasto del fenomeno dell’immigrazione irregolare giovanile e femminile, per la donna ancora sottomessa a vincoli basati su norme che la confinano in condizione di disparità importante e in ruoli sociali stereotipati e svalorizzati.

 

Già in passato le due associazioni, si sono impegnate in aiuti umanitari in Costa d’Avorio, grazie anche all’ausilio di Don Paolo Bassi, dei parrocchiani biscegliesi, turesi, napoletani e romani, che hanno inviato anche pacchi per posta.

 

Don Paolo e’ propenso a sostenere questo progetto, come ha già fatto in passato quando l’ associazione chiese di potere essere aiutata.

 

Il progetto è ambizioso, ma non impossibile per il Sindaco Angarano, per questo -ha affermato il primo cittadino- «è importante coinvolgere la gente per questa bella iniziativa».

 

«A Bisceglie -ha spiegato-, trovano facilmente lavoro, forse perchè gli italiani alcune mansioni, non vogliono più farle, inoltre loro sono avvantaggiati, in quanto parlano molte più lingue».

“Non grandi cose, ma piccole cose con grande amore” come afferma Papa Francesco. Infine il Presidente di Roma Intangibile Pasquale D’addato, ha definito straordinario il progetto, perchè, in fondo, loro ci chiedono amicizia e solidarietà senza distinzione di pelle.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

“Calici nel Borgo Antico”, due serate speciali di degustazione anticiperanno la nuova edizione

La nuova edizione di “Calici nel Borgo Antico”, in programma dal 3 al 5 dicembre a Bisceglie, amplia la propria tradizionale offerta, allargandone il profilo nei contenuti e nei luoghi. L’obiettivo è quello di raccontare la storia che sta dietro ad ogni vino attraverso la voce dei suoi produttori o di appassionati degustatori, stimolando nuove […]

Papa Francesco incontra l’associazione Giovanni Paolo II di Bisceglie e una delegazione della Bat

“Saluto i pellegrini dell’associazione Giovanni Paolo II di Bisceglie. Cari amici, imitate l’esempio di questo Santo Pontefice e sforzarvi di comprendere e accogliere l’amore di Dio, sorgente e motivo della nostra gioia”. Con queste parole Papa Francesco ha accolto la delegazione biscegliese lo scorso 24 novembre all’udienza generale del mercoledì presso la Basilica di San […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: