Lions, prova da dimenticare. Cassino espugna il PalaDolmen

La battuta d’arresto casalinga col fanalino di coda Virtus Cassino è costata parecchio ai Lions Bisceglie. I nerazzurri, vincendo, avrebbero allungato la striscia positiva a sette incontri e consolidato il quarto posto in classifica nel gruppo D della Serie B Old Wild West, portando a quattro punti il margine di vantaggio rispetto a Nardò. E invece hanno ceduto in modo inopinato, non certo per una differenza in graduatoria che peraltro non rende giustizia all’attuale composizione dell’organico degli avversari: la squadra di casa ha offerto una prova molto al di sotto delle aspettative, in attacco e specialmente in difesa.

Il team di coach Alessandro Fantozzi (ex di turno) ha approcciato meglio il match e imposto i suoi ritmi, più compassati. Bisceglie, già sotto di 9 nella fase centrale del primo quarto (11-20), ha messo la testa avanti nel corso della seconda frazione (29-25): un fuoco di paglia, perché gli ospiti hanno tenuto i nervi saldi e continuato a giocare la loro pallacanestro, complice un’imperdonabile leggerezza con cui i nerazzurri hanno interpretato il piano partita sotto il profilo difensivo.

La sfuriata di inizio terzo quarto (break di 7-0 per il 44-42) ha solo illuso il generoso e appassionato pubblico del PalaDolmen. L’incuria nella copertura dell’area colorata ha lasciato spazi a Cassino, che ha messo le mani sulla partita con un perentorio parziale di 18-4 (da 47-50 a 51-68). Insufficiente lo sforzo compiuto per riaprire i conti nella quarta frazione: i Lions sono riusciti a risalire sul -5 (68-73) al 35°, per poi disunirsi e innervosirsi e ripiombare sul -17 nel giro di un minuto. L’ultimo colpo di reni ha prodotto il -4 (89-93) a sette secondi dalla conclusione. Troppo tardi per evitare una sconfitta sulla quale occorrerà riflettere e fare autocritica.

 

LIONS BISCEGLIE-CASSINO 89-96

Lions Bisceglie: Rossi 13, Dri 21, Chiriatti 1, Drigo 15, Marini 14, Cantagalli 11, Zugno 9, Mazzarese 5, Maresca. N.e.: Mezzina. Allenatore: Gigi Marinelli.

Cassino: Callara 21, Fioravanti 20, Svoboda 12, Rovere 9, Bryan 12, Zhgenti 7, Cecchetti 7, Puccioni 6, Lauria 2. N.e.: Magini, Pacitto. Allenatore: Alessandro Fantozzi.

Arbitri: Marcello Martinelli di Brescia, Jacopo Spinelli di Cantù (Como).

Parziali: 17-23; 37-42; 53-68.

Note: usciti per cinque falli Zhgenti, Drigo, Rovere, Chiriatti, Bryan. Tiri da due: Lions Bisceglie 19/27, Cassino 27/45. Tiri da tre: Lions Bisceglie 8/31, Cassino 6/10. Tiri liberi: Lions Bisceglie 27/34, Cassino 24/36. Rimbalzi: Lions Bisceglie 29, Cassino 32. Assists: Lions Bisceglie 10, Cassino 11.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Bisceglie e Foggia non pungono: pari a reti inviolate

Termina con un pareggio a reti inviolate il derby pugliese del “Ventura” tra Bisceglie e Foggia, in programma nel ventesimo turno di campionato (primo del girone di ritorno). Consueto 4-4-2 per i nerazzurri, con le novità Vona, Padulano e Romizi rispetto al match di mercoledì scorso contro la Casertana. Out Cecconi e Pedrini. Primo squillo […]

L’Alpha Pharma stecca, serata da dimenticare sul parquet di Nardò

Stop esterno per l’Alpha Pharma Bisceglie, incappata in una serata storta – specie al tiro – sul parquet del tensostatico di Nardò nella sfida valida per la prima giornata di ritorno nel gruppo D2 di Serie B Old Wild West. Un incidente di percorso su cui bisognerà riflettere, in considerazione della prova sotto le aspettative […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: