Magistrati arrestati: chiesti 10 anni per ex pm Trani Savasta

La Procura di Lecce ha chiesto la condanna a 10 anni e otto mesi di reclusione per l’ex pm tranese Antonio Savasta nel corso del processo con rito abbreviato in corso dinanzi al gup del Tribunale salentino. Savasta fu arrestato nel gennaio 2019 assieme al collega Michele Nardi con le accuse di associazione per delinquere, corruzione in atti giudiziari, falso ideologico e materiale. La pubblica accusa ha chiesto anche la condanna dell’altro ex pm tranese Luigi Scime’ (4 anni e 4 mesi), dell’imprenditore Luigi D’Agostino (4 anni), 4 anni e mesi 4 per l’avvocato Ruggiero Sfrecola e 2 anni e 8 mesi per l’avvocato Giacomo Ragno.

La Procura di Lecce, al termine della requisitoria nel processo a carico dei due ex pm di Trani Antonio Savasta e Luigi Scime’, per i quali e’ stata invocata la condanna, ha chiesto la confisca del presunto vantaggio patrimoniale conseguito dagli imputati. Per Savasta e’ stata chiesta la confisca di beni per 2,4 milioni di euro; per Scime’ di 75mila euro. Chiesta anche la confisca dei beni per gli altri imputati: per l’avvocato Ruggiero Sfrecola e l’imprenditore Luigi D’Agostino di 53mila euro ciascuno, per l’avvocato Giacomo Ragno di 224mila euro. (ansa)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Diventa mamma partorendo nel parcheggio dell’ospedale Di Venere. Storia a lieto fine per donna biscegliese

Una storia di emergenza con lieto fine è stata raccontata dal sito barinedit.it e sebbene ambientata nel capoluogo pugliese, riguarda una cittadina di Bisceglie. Emergenza e maternità, perché la storia finisce con la nascita di un bambino avvenuta dentro l’abitacolo di un’auto in sosta nel parcheggio dell’ospedale “Di Venere”, dato alla luce proprio dalla neo-mamma […]

Bisceglie, lei lo denuncia e lui le brucia la macchina: arrestato

I responsabili degli incendi avvenuti a Bisceglie, l’11 e il 14 febbraio dell’anno scorso sarebbero un uomo ed una donna: i due, arrestati dai carabinieri, sono accusati di incendio doloso in concorso. Altre tre persone, considerate loro complici, sono state raggiunte dall’obbligo di dimora. Secondo quanto accertato, in entrambi gli episodi i due avrebbero riempito […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: