I Comuni non sanno come comportarsi con i cittadini che entrano in Puglia

“Un chiarimento urgente circa gli adempimenti tesi ad evitare contagi, in capo ai cittadini che fanno ingresso in Puglia, provenienti dai territori di tutte le altre regioni italiane, o dall’estero, che intendono rientrare e soggiornare continuativamente in Puglia, nel proprio domicilio, abitazione o residenza”. Lo chiede il presidente dell’Anci Puglia (associazione dei comuni italiani) Domenico Vitto alla Regione sottolineando “lo stato di apprensione dei sindaci”.

Ieri è arrivata una sollecitazione di un Comune del leccese. Sempre ieri il capo dell’Avvocatura regionale Rossana Lanza, a seguito di alcuni articoli di stampa, aveva precisato le motivazioni per le quali non si è potuta prorogare l’ordinanza 182 del 14 marzo 2020 del presidente Michele Emiliano sulle ‘misure per il contrasto e il contenimento sul territorio regionale del diffondersi del virus Covid-19’.

Le previsioni, che regolavano l’ipotesi di spostamento per fare ingresso in Puglia da altre regioni,  al fine di rientrare  e soggiornare continuativamente nel proprio domicilio abitazione o residenza, non sono state reiterate, ”perché chiaramente superate” dai successivi Decreti della presidenza del consiglio dei ministri ”che dettano misure più restrittive e non consentono più alle persone fisiche di spostarsi per rientrare nel proprio domicilio abitazione o residenza”.

Peraltro, i rapporti tra le disposizioni del Governo e le ordinanze dei Presidenti di regione ”sono stati ridefiniti – aveva precisato Lanza – con l’entrata in vigore del decreto legislativo 19/2020 che ha riservato al Governo l’attuazione delle misure di contenimento prevedendo che sia il Presidente del Consiglio l’organo competente ad adottare le misure, in modo uniforme o differenziato, con riferimento all’intero territorio nazionale o di alcune specifiche regioni. Le Regioni possono introdurre misure urgenti ulteriormente restrittive rispetto a quelle vigenti ex Dpcm, in relazione a specifiche situazioni sopravvenute di aggravamento del rischio sanitario verificatesi nel territorio regionale o in una  parte di esso e, comunque, con efficacia limitata sino all’adozione dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri.Quindi, anche sotto tale profilo, giammai avrebbe potuto essere prorogato un provvedimento che nei presupposti e nei contenuti riguardava fattispecie (rientro) non più disciplinata (anzi vietata) dalle sopravvenute disposizioni governative”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Scuola, Boccia: parole Valditara gravissime, no regionalizzazione della scuola e alzare tutti gli stipendi

“Sono gravissime le dichiarazioni del Ministro Valditara che, anziché affrontare problemi reali come la dispersione scolastica e il potenziamento della scuola, propone stipendi differenziati per i docenti, salvo poi, anche stavolta, rimangiarsi tutto dopo che la polemica è scoppiata. Le sue parole non mi stupiscono perché si legano naturalmente al tentativo di sempre del Presidente […]

Amministrative, altri cinque anni con Angarano: domenica la presentazione ufficiale della sua candidatura

Domenica 29 gennaio alle ore 11 al Politeama Italia, in via Montello 2, il Sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano presenterà la sua ricandidatura, che vedrà come primo step quello delle primarie di coalizione fissate il prossimo 12 marzo. La Cittadinanza è invitata a partecipare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: