Prete (Lega): «Vicino all’agricoltura, messa in ginocchio da Emiliano»

Prete (Lega): «Vicino all’agricoltura, messa in ginocchio da Emiliano»

26 Agosto 2020 0 Di ladiretta1993
Il dialogo coi protagonisti della produttività è succo essenziale per chi fa politica sul territorio. Per questo ho partecipato con piacere a un breve ma significativo tour in alcune aziende del comparto agricolo in Provincia e mai come in questo caso, immerso nel verde e nell’agro, ho potuto comprendere la portata del disastro provocato dalla sciagurata gestione di Michele Emiliano!
È stata una giornata di crescita per me. Ho capito, compreso, imparato, confrontandomi con chi tutti i giorni combatte per affermare il suo diritto a fare impresa e chiede, semplicemente, di non essere ostacolato dalla burocrazia sorda e ignorato da una politica regionale che si è rivelata incapace di affrontare i temi del lavoro e sostenere le ragioni di chi produce.
Sono stato all’azienda agricola Di Chiano di Trani, al frantoio oleario Galantino di Bisceglie, all’azienda agricola cooperativa Verde Murgia Maggillli di Minervino Murge, alla masseria Samele di Canosa di Puglia, in compagnia di Nuccio Altieri – candidato alla vicepresidenza – e del vicesegretario regionale e segretario provinciale Bat Giovanni Riviello.
Non posso che essere grato per l’accoglienza e l’ospitalità che mi sono state riservate ma in particolare per tutto ciò che ho appreso. Sappiamo benissimo cosa va fatto per l’agricoltura pugliese e purtroppo abbiamo preso atto degli errori commessi dalla precedente amministrazione regionale ma restare sempre in ascolto degli imprenditori è fondamentale per tenere presenti le priorità dell’azione di governo che metteremo in campo già a partire dal 22 settembre, all’indomani delle elezioni. Rimbocchiamoci le maniche perché #moltodipendentedaNOI