Vandali distruggono la stele in memoria delle 118 vittime del disastro aereo di Linate

Stamane la stele in onore delle 118 vittime della strage di Linate dell’8 ottobre 2001 è stata trovata in frantumi.
«L’autore (o gli autori) di questo deprecabile gesto -ha commentato il Sindaco Angarano- non ha “solo” distrutto un pezzo di marmo ma sfregiato un simbolo collettivo, vilipeso la memoria di persone che hanno perso la vita in uno degli avvenimenti più tragici della nostra storia contemporanea, provocando un immane dolore ancora vivo nelle Comunità di Milano e Bisceglie, già storicamente unite da un ponte ideale e ancor più rinsaldate nella memoria e nel commiato di quel gravissimo incidente. L’unico superstite è il nostro concittadino Pasquale Padovano, a cui va il nostro affettuoso abbraccio unitamente alle famiglie delle vittime».
La promessa del Primo Cittadino è quella di «rimettere una nuova stele al suo posto, perché Bisceglie non è quella racchiusa in questi episodi beceri, Bisceglie non si identifica nell’inciviltà di una minoranza ma è una Comunità rispettosa e operosa, civile e composta, che si dissocia con forza da questi atti vergognosi».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Minacce a testimoni, condanne definitive per due ex pm Trani

Sono diventate definitive, dopo che la Cassazione ha rigettato i ricorsi della difesa, le condanne per due ex pm del Tribunale di Trani, Michele Ruggiero e Alessandro Pesce, rispettivamente alla pena di 6 mesi e a 4 mesi di reclusione per concorso in tentata violenza privata. Ora i due magistrati sono in servizio come sostituti […]

La storia di Vincenzo: ecco come mi hanno soccorso e curato il Servizio 118 e Ortopedia dell’Asl BAT

È l’ennesima prova, la dimostrazione tangibile, che la buona sanità, ad accompagnare ogni giorno la vita di ognuno, è improntata nella dedizione di tanti operatori sanitari che quotidianamente, con sacrificio, passione e professionalità svolgono il proprio lavoro senza clamori, anche al netto delle difficili condizioni degli ultimi tre lustri, in particolare in Puglia. Oggi raccontiamo […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: