8 marzo: Confagricoltura donna, puntare su imprenditoria femminile

“Il migliore augurio in occasione della festa della donna è che ci si renda conto dell’importanza della componente femminile per il Paese. Puntare concretamente sull’imprenditoria femminile è un investimento sicuro per velocizzare la ripresa economica italiana, che avrà un effetto moltiplicatore sul territorio e occorre farlo effettivamente e presto”. Lo afferma Alessandra Oddi Baglioni, presidente di Confagricoltura donna in occasione dell’8 marzo. Sono poco più di 200.000 – si legge in una nota – le imprese agricole condotte da donne, che rappresentano il 28,5 per cento delle imprese attive totali. La Regione con la più alta incidenza di imprese femminili attive sul totale è il Molise (37,5 per cento), seguita da Campania (36,2 per cento) e da Abruzzo (35,3 per cento). Mentre La Regione con il più alto numero di imprese femminili in assoluto è la Sicilia (25.167, 12,2 per cento) seguita da Puglia (23.546, 11,4 per cento) e Campania (21.439, 10,4 per cento). “Le imprese condotte da donne sono più attente alla sostenibilità e alla responsabilità sociale. Abbiamo apprezzato – continua Oddi Baglioni – le misure a sostegno dell’imprenditoria femminile inserite nella legge di Bilancio, ma manca ancora il ‘Comitato impresa donna’, così come ci spiace che, all’interno dei piani strategici e di sviluppo definiti nel Pnrr, effettivamente poco venga destinato alle imprese condotte da donne”.

“Al di là dei fiumi di parole versate per l’8 marzo – conclude la presidente di Confagricoltura donna – chiediamo un concreto impegno per l’imprenditoria femminile. Vorremmo che le risorse stabilite sulla carta fossero realmente operative, semplici e fruibili, magari riutilizzando il meccanismo della legge 125, che già in passato ha supportato le imprese femminili attraverso il sistema del contributo a fondo perduto, del credito agevolato e del credito d’imposta. Serve un effettivo cambio di passo importante e necessario per superare, in questo anno difficile, le difficoltà strutturali e il divario rispetto agli altri Paesi”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

La Festa della Parrocchia Misericordia senza processione e messe di quartiere

La Parrocchia Santa Maria Misericordia si prepara a vivere la sua fiera parrocchiale, seppur senza processione e messe di quartiere. E’ stato diffuso il programma dei prossimi appuntamenti (che riportiamo in foto sotto quest’articolo). Chi volesse offrire la propria offerta a devozione della Madonna, può rivolgersi ai sacerdoti in parrocchia.  

Covid, i sindacati chiedono ad Emiliano di chiudere tutti i negozi il 25 aprile e il Primo Maggio

In Puglia le attività commerciali, comprese quelle addette alla vendita di alimentari, siano chiuse con ordinanza regionale sia il 25 aprile che l’1 maggio. E’ la richiesta che al governatore della Puglia, Michele Emiliano, hanno fatto i vertici regionali Cgil, Cisl e Uil insieme alle rispettive federazioni di categoria. I sindacati temono che “l’apertura possa […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: