Scuola: Cisl Puglia, da settembre si eviti frequenza a scelta

“La Regione deve evitare di reiterare ordinanze analoghe a quelle che lo scorso anno hanno caratterizzato la scuola pugliese specie per quanto attiene il libero arbitrio per la frequenza scolastica”. Lo dichiara in una nota Roberto Calienno, segretario generale Cisl Scuola Puglia, commentando l’esito del tavolo regionale per l’avvio dell’anno scolastico 2021/2022, nell’ambito del quale la Regione ha reso noto l’impegno a garantire la ripresa delle lezioni in presenza per il 100% degli alunni.

“I piani provinciali dei trasporti definiti ai tavoli prefettizi, seppur riferiti ad una frequenza pari al 75% della popolazione scolastica – dice Calienno – devono essere rivisti per garantire la frequenza al 100% e devono anche essere testati evitando di ricorrere a doppi turni”. Inoltre “la Regione, dal primo settembre, deve applicare la delibera di giunta del primo febbraio scorso – insiste la Cisl – che autorizzava l’attivazione dei presidi sanitari scolastici attraverso l’individuazione di 355 unità di personale sanitario” per “supportare le scuole nella gestione nel controllo e nel monitoraggio del contagio”. Tutte le richieste del sindacato, dice Calienno, “sono state accolte da Regione e Ufficio scolastico regionale”. Un nuovo incontro è previsto per la prossima settimana.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Avviso pubblico per l’assunzione di 7 vigili per tre mesi, c’è la graduatoria

Il Comune di Bisceglie ha pubblicato la graduatoria risultante dall’avviso pubblico con cui si stavano cercando 7 persone da impiegare come agenti di Polizia Locale a tempo determinato di tre mesi e con contratto part time al 50%. La graduatoria è stata stilata al termine del lavoro da parte della commissione che ha esaminato tutte […]

Festa Patronale, la rivolta degli ambulanti: «Dopo l’illegittima assegnazione dei posteggi, ora anche il green pass»

Ormai a Bisceglie il commercio sulle aree pubbliche sta diventando il business del secolo. Tra chi chiede il ritorno al passato con le gestioni d’opportunismo privatistiche e speculative che tanti danni hanno creato giungendo persino a negare la consegna degli elenchi delle anzianità maturate dai concessionari di posteggio, falsando anche il Bando Pubblico contestato da […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: