Angarano annulla altra determina di appalto pubblico, Spina: «Al Comune la paura fa novanta»

«Al Comune di Bisceglie la paura fa 90: per la “centunesima” volta, autoannullata da Angarano & co. la determina di un appalto pubblico. A palazzo San Domenico i “rumors” delle tante illegalità amministrative stanno incutendo paura e timori vari nei dirigenti comunali. Dopo l’autoannullamento della determina di appalto a trattativa privata per la gara del cimitero, ora anche il dirigente dell’area finanziaria, dopo l’”attacco francese” per l’appalto a “trattativa privata” dei fotocopiatori comunali, fa “ritirata spagnola” e autoannulla la procedura indicendo una nuova gara pubblica “aperta” per “ragioni di opportunità” che qualche mese fa sembravano non esistere a Palazzo San Domenico. Insomma, la sicumera di qualche mese fa (“andate dove volete”, a noi non ci tocca nessuno), sembra essere sparita perché la “paura comincia a fare 90”.

Siamo fiduciosi ora che, anche per le gare della mensa, dei tributi e per l’appalto dell’immondizia che scade tra qualche giorno, ragioni di “opportunità” o di “paura” che siano, il codice degli appalti sarà l’incubo da dover subire per Angarano e Co. (allergici cronicamente alle regole e alla legge) e da applicare rigorosamente per non accelerare la fine della SVOLTA dell’illegalità”».

Lo scrive in una nota il consigliere comunale Francesco Spina.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Carceri: Galantino (FdI), solidarietà a polizia penitenziaria

“Visitando oggi le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria in servizio presso il carcere di Trani, ho portato loro la mia vicinanza per i recenti fatti accaduti che hanno visto due detenuti dare fuoco a un agente e un detenuto in possesso di una pistola tentare di uccidere uno dei loro colleghi”. Lo afferma […]

Spina: «I soldi dei cittadini usati come bancomat?»

«Con determina dirigenziale del 22 settembre, l’amministrazione Angarana preleva dal fondo di riserva 30 mila euro e li trasferisce al gestore del servizio di igiene urbana, il cui contratto scade il 30 settembre 2021, per non precisati e definiti “servizi aggiuntivi”. Il dirigente è’ ben attento, naturalmente, a non elencare o indicare questi pseudo servizi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: