Allarme a Torre Calderina: lo scarico finisce nelle acque naturali marine

Cosa accadrebbe se mostrassimo ai turisti, le foto e i filmati dello scorrimento delle acque reflue in mare?
Nessuno verrebbe piu’ a visitare la Puglia. La nostra Bisceglie.
Il video denuncia è stato diffuso ieri da “Puglia report”. Siamo a  Torre Calderina,  un bellissimo scorcio naturale tra i comuni di Bisceglie e Molfetta.
Da tempo gli attivisti delle due citta’ limitrofe, denunciano l’ attuale situazione dello scarico che finisce in mare.

Come si ricordera’ il compianto Angelo Ruggieri, presidente dell’ Associazione Culturale Sapere 2000
di Bisceglie, denunciava continuamente gli scarichi fognari nelle zone di balneazione.
Nonostante l’ arrivo di Beppe Grillo e di Alessandro di Battista, per sollecitare enti ed istituzioni, gli scarichi sono ancora presenti.
Se da una parte si propone l’ utilita’ di una costruzione milionaria, quale una condotta sottomarina, dall’altra gli ambientalisti locali criticano tale soluzione.
Gli stessi, propongono invece di eliminare totalmente gli scarichi in mare, con il riutilizzo dei reflui in agricoltura con acque depurate.
Intanto dal Canale ” ATTIVISTI UNITI “, su you tube, si evidenzia nel filmato il peggioramento della situzione.
Il colore delle acque e’ stato definito ” particolare”.
Sono stati inoltre ripresi, vicino alla zona interessata, alberi di ulivo rinsecchiti.
Si sollecitano quindi gli enti regionali a recarsi sul posto ed effettuare tutte le valutazioni possibili.
Occorre pero’ far presto, perche’ come dice il detto: – Tra il dire e il fare c’e’ di mezzo il mare- e siamo sicuri
che a nessuno faccia piacere tuffarsi nel mare che di colore non e’ piu’ blu.
ANTONELLA SALERNO

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Covid: in Puglia 3 morti e 112 positivi, l’1,5% dei test

Su 7650 test per l’infezione da Covid-19 oggi in Puglia sono stati registrati 112 casi positivi (con un tasso di positività dell’1,5%): 17 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 4 nella provincia BAT, 27 in provincia di Foggia, 16 in provincia di Lecce, 42 in provincia di Taranto, 2 casi di residenti […]

Covid. Bari, morto 54enne a 20 giorni dal vaccino: colpito da trombosi venosa e poi da ischemia cerebrale

Sono stati espiantati e donati gli organi dell’uomo di 54 anni morto ieri nel Policlinico di Bari dopo una ischemia verificatasi nei giorni precedenti. Originario di Roma ma residente nella provincia di Bari lo scorso 26 maggio si era vaccinato in Puglia con Janssen. Dopo alcuni giorni era risultato affetto da trombosi venosa, si era […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: