La satira di Ambrosino: Re spiagge de Vescègghie (Le spiagge di Bisceglie)

31 Luglio 2017 0 Di ladiretta1993
Ogni ceto sociale sceglie le splendide spiagge della costa biscegliese, dove trascorrere intere giornate, in un mare cristallino.
Una satira sociale “tra lingua e dialetto”, sui comportamenti in spiaggia, di due signore biscegliesi.

 
“Sono andata a fare il bagno sulla spiaggia di Salsello,
ho pagato venti euro due lettini ed un ombrello;
il parcheggio m’è costato, posto fresco, per quattr’ore
cinquant’euro, con scontrino, date al parcheggiatore”.
 
“Ié è scìute a famme u bègne alla spiagge du Pretóre,
stèmme tutte strétte, strétte, affecazzòte, córe a córe;
u parchègge, sòtte o saule, u è pagòte pe dóie óre,
abuséve, l’estorsióne, dòte dò o parcheggiatóre!”.
 
“Mi son tolta i miei vestiti, nella borsa gli ho adagiati,
tutti lindi e profumati, di gran marca e ben piegati;
ho indossato le scarpette e nel mare sono entrata…
oh che acqua rinfrescante, che magnifica giornata!”.
 
“M’è levòte la vestaglie, la sò póuste ìnd’alla buste,
l’è chiecòte lèsta lèste e l’è póuste saupe o póste;
ne uagnèune, tutte ‘mbusse, da dà saupe pó a passòte…
le sò ditte: “Minne u butte!” e dò giò me sò ‘ngreviòte”.
 
“Mi ha versato, poi, da bere un magnifico bagnino,
pettorali, palestrato, due campari ed un crodino;
poi lui lesto, con le mani, un massaggio sul lettino…
ha sfiorato lentamente il mio nudo corpicino!”.
 
 
 
“Ne buldozer m’à passòte méndre stòve appapazzòte;
ne gorille, nérghe e brutte…o Madónne, u è sckefòte;
nan ve déche, scarpe nérghe, pedaléne e canottière…
s’à sdraiòte appéirse a mè…e s’à levòte la dendère!”.
 
“Alle dodici ho pranzato, piatti pronti, stuzzichini,
e due succhi di “potage” dati anche ai miei bambini;
giusto, sai, per star leggeri; siam noi dei salutisti,
aborriamo l’ingrassare, siamo tutti naturisti!”.
 
“All’orarie de mangiò, dalla vòrze sòche assìute…
paste o fórne e parmiggéine, séme tutte canarìute!
E pe vève, birra frèske, giustappunde “La Peróne”,
la buttigghie, svacandòte, l’è scettòte ìnd’alla zóne!”.
 
“Son rimasta sulla spiaggia fino a tutto l’imbrunire,
uno splendido tramonto ed un mare tutto dire;
una brezza si levava, ringraziavo il sommo Dio…
di aver questo Paradiso, qui a Bisceglie…Amore mio!”.
 
“Pe na fórte insolazióne, sòtte o saule, ié abbresciòte,
o Pretóre sò aspettòte che arrevòve la seròte;
dò maritéme dùe carvìune all’istènde òve appecciòte…
fecatéidde e carne arròste…ah cè addìure prelibbòte!”.
 
Queste sono, cari amici, le gran spiagge di Bisceglie,
ogni ceto la sua zona, di buon grado se la sceglie;
e ògne d’ìune se ne và, tènde u ricche che u provéidde
a fò u bègne a Torra Ròsse, Faccelisce o dò Macéidde!
 
GLOSSARIO DIALETTALE
Pretóre = nota spiaggia a Levante di Bisceglie, detta anche 2° spiaggia.
Affecazzòte = Stretti stretti, pestati
‘Ngreviòte = Innervosita
Appapazzòte = Assopita nel sonno
Appéirse a mè = A me vicino
Vòrze = Borsa
Séme tutte canarìute = Siamo tutti dei golosi
Giustappunde = Per la precisione
Svacandòte = Svuotata del suo contenuto
Maritéme = Mio marito
Fecatéidde = Fegatelli
Torra Ròsse, Faccelisce, Macéidde = Spiagge della costa biscegliese
NICOLA AMBROSINO
Annunci