Macchine imbiancate di calce allo stadio, il Comune è estraneo ai fatti

L’incredibile disavventura capitata ad alcuni automobisti che si sono ritrovati inbiancati le auto che avevano parcheggiato in prossimità dell’ingresso spogliatoio dello stadio “Gustavo Ventura”, ha nuovi risvolti.

Da fonti vicine agli Uffici Comunali si apprende che l’Ente Comune sia totalmente estraneo ai fatti, in quanto non ha nessuna ditta in questo momento a cui ha assegnato lavori in quella zona dello stadio.

Come si ricorderà, l’episodio si è registrato a cavallo tra sabato e domenica. Tutte le auto parcheggiate nell’area si sono ritrovate ricoperte da uno strato di calce bianca. Succesivamente a quanto accaduto, i proprietari delle autovetture si erano recati presso la locale Caserta dei carabinieri per segnalare l’accaduto e per spogere denuncia.

In seguito a sopralluoghi, infine, veniva accertato che  la calce bianca era il frutto dell’opera di pitturazione delle pareti interne ed esterne dello Stadio comunale. Quindi, i sospetti sono ricaduti su una eventuale ditta appaltatrice di lavori di rifacimento dello stadio.

Poi, invece, pochi minuti fa la smentita trapelata.

 

MAURIZIO RANA

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Diventa mamma partorendo nel parcheggio dell’ospedale Di Venere. Storia a lieto fine per donna biscegliese

Una storia di emergenza con lieto fine è stata raccontata dal sito barinedit.it e sebbene ambientata nel capoluogo pugliese, riguarda una cittadina di Bisceglie. Emergenza e maternità, perché la storia finisce con la nascita di un bambino avvenuta dentro l’abitacolo di un’auto in sosta nel parcheggio dell’ospedale “Di Venere”, dato alla luce proprio dalla neo-mamma […]

Bisceglie, lei lo denuncia e lui le brucia la macchina: arrestato

I responsabili degli incendi avvenuti a Bisceglie, l’11 e il 14 febbraio dell’anno scorso sarebbero un uomo ed una donna: i due, arrestati dai carabinieri, sono accusati di incendio doloso in concorso. Altre tre persone, considerate loro complici, sono state raggiunte dall’obbligo di dimora. Secondo quanto accertato, in entrambi gli episodi i due avrebbero riempito […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: