U ADDAURE DE LA BRASCIỐLE (Il richiamo della…brasciola) (di Nicola Ambrosino)

Le assemblee di condominio, croce e delizia di tutti. Tutti partecipano di controvoglia e, il più delle volte, diventano luoghi dove sfogare le proprie frustrazioni. Per fare in modo che le decisioni siano prese in fretta e furia è preferibile convocare le riunioni condominiali la domenica mattina, sotto l’ora di pranzo, quando…il richiamo della brasciola…si fa sentire! Buon divertimento.

L’assemblèe de condominie… è stòte convocòte…

s’aspéttene le patrìune sòtte a l’inderròte;

u téimbe passe lèste, nescìune s’appresénde,

siccóme stà da sciònge; zòmbe u appundaménde!

Ma ce velete fò, veloce, n’assemblèe…

ve dòche, améce còre, dó chèssa granne idèe!

Facéte la riunióne la demèneca maténe,

sòtte a mezzadé, préme du celefréne!

All’unnéce e ne quarte u préme s’appresénde,

s’asséde e condrollasce che è dò u appundaménde;

ésse po’ ne libbre e déce:

“Sòche strutte… de tutte u condominie ié dó capisce tutte!”.

Arréve pó ne tòle, re méine saupe o buste,

che déce a tutte quènde: “Ea pagò re giuste!”;

“Re giuste, vòle a déce, facitéme spiegò…

che vógghie scé o sparègne e néinde agghia pagò!”.

Ascènne na vaiasse, scarpìune e begodéne,

calzétte affertecuòte e ‘mbrònde l’occhialéne;

ne lucche scétte fórte, stà demèneche de féste,

che sóle pe fermèlle…’nge vóle u esorciste!

Acchemménze la riunióne a mezzadé passòte;

la maggiorènze è giuste, ma stònne giò ‘ngazzòte;

tu l’acchiaméinde ‘mbacce, nescìune se stè citte…

s’auèndene a mazzòte…fuorchè u sottoscritte!

Da sìuse pó ne gréde, se sénde: “Uè Necóleeee!!!

Allasse l’assemblèe…sò prònde re brascióle!”.

U punde è giò approvòte; la guerre? Non c’è più!

L’assemblèe s’à fatte…al richiamo del Ragù!”.

 

GLOSSARIO DIALETTALE

Siccóme stà da sciònge = poiché c’è da pagare

Zòmbe u appundaménde = Salta l’appuntamento

Ma ce velete fò, veloce, n’assemblèe = Ma se volete indire, in fretta, un’assemblea

Ve dòche, améce còre, dó chèssa granne idèe = Vi suggerisco questa idea

Facéte la riunióne la demèneca maténe = Fate la riunione la domenica mattina

Sòtte a mezzadé, préme du celefréne = Sotto mezzogiorno, prima di pranzo

All’unnéce e ne quarte u préme s’appresénde = Alle undici e un quarto si presenta il primo convocato

“Sòche strutte!” = Sono istruito, sono informato

De tutte u condominie ié dó capisce tutte = Conosco tutta la normativa condominiale

Re méine saupe o buste = Le mani sul busto, stile Mussolini

Che vógghie scé o sparègne = Che voglio risparmiare

Ascènne na vaiasse = Arriva una domestica, serva, da vassallo

Calzétte affertecuòte = Calze abbassate sugli stinchi

Ne lucche scétte fórte = Un urlo lancia forte

Che sóle pe fermèlle…’nge vóle u esorciste = Che per rabbonirla , ci vuole un esorcista

S’auèndene a mazzòte = Si prendono a botte

Allasse l’assemblèe = Abbandona l’assemblea condominiale

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Premio “Dolmen Poesia”: prorogata scadenza consegna lavori – Ecco i nomi dei giurati

Ancora tre settimane per presentare poesie e componimenti in gara per la prima edizione del Premio “Dolmen Poesia”.   Sarà possibile infatti inviare i propri lavori a info@prolocobisceglie.it entro le ore 14:00 di sabato 10 luglio. Tale proroga è stata decisa dal direttivo della Pro Loco Unpli di Bisceglie, associazione organizzatrice del contest, per dar […]

“Come sorge il sole”, la prima festa della cultura de “La Città possibile”

La prima festa della cultura de “LA CITTÀ POSSIBILE”, la neonata associazione biscegliese, si chiamerà “COME SORSE IL SOLE”. Un titolo che, prendendo spunto dai meravigliosi versi di Emily Dickinson, porta con sé il senso di rinascita umana e culturale tanto desiderate dopo che il tempo aveva sospeso le sue fatiche. Villa Consiglio, dimora storica […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: