L’Italia in Comune. Il 3 dicembre nasce il partito dei Sindaci

Costruire una nuova classe dirigente nazionale per governare l’Italia partendo dai cittadini e dall’esperienza degli amministratori locali. E’ questo l’obiettivo de “L’Italia in Comune”, il nuovo movimento politico che sarà presentato domenica 3 dicembre alle ore 10.30 a Roma presso l’Opificio Romaeuropa (Via dei Magazzini Generali, 20/a).

Il nuovo partito dei sindaci nasce dall’esperienza iniziata nel 2014 con la rete “Italia in Comune”, il portale creato per la condivisione di best practice degli amministratori locali come risposta all’abbandono da parte delle istituzioni sovracomunali. A questa rete hanno aderito più di quattrocento Sindaci, Assessori e Consiglieri comunali provenienti da ogni angolo d’Italia. “La sfida è impegnativa, ne siamo consapevoli ma è l’unica possibilità di una politica nuova, partecipata e inclusiva. Una politica che metta il cittadino e le sue necessità quotidiane davvero al centro”, afferma Alessio Pascucci, sindaco di Cerveteri, tra i fondatori de “L’Italia in Comune”. “Il nuovo soggetto politico non parteciperà alle elezioni politiche del 2018. Ci interessa presentare proposte concrete al Governo per risolvere le difficoltà amministrative dei Comuni italiani e affrontare i numerosissimi problemi che si abbattono ogni giorno sui nostri cittadini”.

Interverranno alla convention come ospiti Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, Federico Pizzarotti, sindaco di Parma, Pierluigi Bersani, deputato Mdp, Stefano Fassina, deputato Sinistra italiana, Massimo Artini, deputato Alternativa Libera, Elena Buscemi, consigliere comunale di Milano, Matilde Casa, sindaca di Lauriano (To), Rosa Capuozzo, sindaca di Quarto (Na), Damiano Coletta, sindaco di Latina, Carlo Marino, sindaco di Caserta, Alfonso Pecoraro Scanio, presidente Fondazione UniVerde, Alessandro Fusacchia, segretario Associazione Movimenta.

Tra i promotori dell’evento, oltre a Pascucci, numerosi amministratori provenienti da tutta Italia: Luca Agnello, consigliere comunale di Santa Croce Camerina (Rg), Francesco Bivona, sindaco di Regalbuto (En), Franco Campitelli, sindaco di Teramo, Marco Cappelletti, consigliere comunale di Lentate sul Seveso (Mb), Chiara Centonze, presidente del Consiglio Comunale di Monteroni di Lecce (Le), Fulvio Gallenca, sindaco di Foglizzo (To), Carlo Gambino, consigliere comunale di San Zeno di montagna (Vr), Nuto Girotto, consigliere comunale di Ragogna (Ud), Francesco Pelliccia, sindaco di Subiaco (Rm), Simone Righi, assessore all’urbanistica del Comune di Marzabotto (Bo), Pierluigi Sanna, sindaco di Colleferro (Rm), Tony Siniscalco, consigliere comunale di Baronissi (Sa), Marco Tartari, consigliere comunale di Verbania.

Lo comunica in una nota l’Ufficio Stampa de L’Italia in Comune.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Coronavirus, Lopalco: Servono altri sacrifici per fermare il Covid

“Il momento epidemiologico che vive il nostro Paese in questo momento è di forte incertezza. Il famigerato indice Rt è superiore ad 1 praticamente in tutte le regioni. Questo significa che il virus nelle ultime settimane ha continuato a circolare almeno al ritmo delle precedenti e che la pausa natalizia non ne ha certamente frenato […]

Renzi, ex on. Franco Napoletano: «Resta “il bullo di Firenze”»

La stampa straniera più qualificata lo chiama “demolition man”, per la sua tendenza a sfasciare tutto. Per noi Matteo Renzi rimane, più semplicemente, “il bullo di Firenze”. Secondo un celebre aforisma dello scrittore Oscar Wild, Renzi a tutto può resistere, tranne che alla tentazione… di ridurre in pezzi e di danneggiare ciò che non ruota […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: