Spina: con Casella ritirati i due rispettivi esposti all’ordine degli avvocati

Continua l’infinito botta e risposta tra gli avvocati Casella e Spina. In merito a quanto riportato questa mattina nell’articolo “Bar Helsinki, querela di Spina archiviata. Pietro Casella al contrattacco: «querelerò l’ex sindaco per calunnia»”, non si è fatta attendere la replica dell’ex Sindaco Spina.

«Al caro amico e collega Pietro Casella ricordo semplicemente che, da circa 12 mesi, la querelle per alcune questioni insorte da reciproche dichiarazioni alla stampa è stata definita in modo consensuale con un atto che reca la firma congiunta di entrambi predisposta dallo stesso Casella (che mi implorò di sottoscrivere in modo congiunto) e che è stato depositato presso il Consiglio dell’Ordine di Bari. Tale atto, che mostriamo in foto in alto, dimostra la volontà di entrambi di rinunciare alle reciproche azioni». Così esordisce nella replica Spina.

Ed ancora: «A distanza di un anno che va trovando l’amico Casella?”. L’archiviazione delle reciproche querele è frutto quindi di un’evidente desistenza concordata da entrambi. Implorare un accordo e, a distanza di un anno, smentirne il contenuto può valere nel campo della brutta politicache conosce meglio di me sicuramente l’amico Casella. Ma tra professionisti questo gioco non vale»

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Ci lascia a 43 anni Michele Lionetti, lutto nel mondo dello sport biscegliese

Il movimento del basket e lo sport biscegliese piangono la prematura scomparsa, a soli 43 anni, di Michele Lionetti. Una notizia che non avremmo mai voluto riportare. Lions Bisceglie, in tutte le sue componenti, esprime enorme cordoglio per la perdita di un uomo che ha espresso il suo amabile carattere e la sua travolgente personalità […]

Bisceglie. Minaccia con una pistola (giocattolo) un giovane per un debito: arrestato un 16enne

Un 16enne di nazionalità tunisina è stato arrestato dai carabinieri a Bisceglie   per tentata estorsione. Avrebbe – secondo quanto emerso – chiesto soldi per una dose di droga non pagata a un 18enne minacciandolo di morte con una pistola poi risultata giocattolo. È stata la vittima a denunciare di essere sotto scacco del ragazzo che […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: