P.C.I. di Bisceglie sul decreto dignità e mancata reintroduzione dell’art. 18

Nella quasi totalità dei sui componenti, la Camera dei deputati ha respinto un emendamento al Decreto Dignità che mirava alla sacrosanta reintroduzione dell’art.18.

Nulla dunque è cambiato in un decreto criticato da tutte le organizzazioni sindacali, CGIL in primis (che ha bocciato il ritorno dei voucher definendo il provvedimento nel complesso “senza coraggio”) e difeso a quanto pare solo da qualche parlamentare locale, che lo ha sicuramente letto meglio di chiunque altro, anche di chi non si è reso conto della relazione accompagnatoria in cui si dava atto dei circa 80mila posti di lavoro che a causa del decreto si perdono nel giro di qualche anno.

La semplice constatazione dei costanti livelli record di disoccupazione e di precarietà dilagante (gli ultimi dati diffusi sono parecchio allarmanti) avrebbe invece dovuto aprire gli occhi ad una classe dirigente che si rifiuta di guardare in faccia la realtà: la costante distruzione dei diritti dei lavoratori non produce nessuna ripresa e nessun benessere per la collettività, ma garantisce solo profitti e privilegi di pochi.

Il governo del sedicente cambiamento, tradendo le promesse fatte in campagna elettorale solo pochi mesi fa, si allinea ad una politica decennale contro i diritti dei lavoratori e sposa le politiche di precarizzazione integrale del lavoro, di riduzione dei salari e di liberalizzazione del ricatto da parte delle imprese contro i lavoratori. Non ci sono dubbi: serve costruire l’opposizione vera a questo governo ma soprattutto a queste politiche, che uniscono trasversalmente i populisti del M5S, centrodestra e Pd.

Lo sviluppo e il benessere si crea se lo Stato investe, se assume, se aumentano i consumi, se i salari crescono insieme ai contratti di lavoro stabile. Se mancano tutte queste cose, come mancano ormai da un decennio, non potrà mai esserci nessun cambiamento.

 

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.