Rifiuti, prepariamoci al peggio: saranno chiuse le isole ecologiche di Via Andria e via Macchione

Senza alcuna ragione e un senso logico, alcuni cartelli affissi questa mattina da “Ambiente 2.0” con tanto di stemma del Comune di Bisceglie recitano che a partire dal 3 settembre prossimo le isole ecologiche mobili ubicate in via Andria e in via Macchione saranno chiuse.

Non è specificato il motivo, come spesso capita in questi tempi dove i comunicati stampa di provenienza da Palazzo di Città latitano e le news occorre cercarsele leggendo le bacheche degli assessori comunali o i manifesti fatti affiggere per strada (o manifestini, come in questa circostanza), la cittadinanza non viene a conoscenza di questa decisione che porterà ad un ulteriore collasso l’utenza biscegliese nel settore della raccolta dei rifiuti.

I residenti delle zone non servite dalla raccolta “porta a porta” dell’agro biscegliese, si legge nella comunicazione che mostriamo in foto, potranno conferire i propri rifiuti presso le isole ecologiche ubicate in Carrara Salsello e in via Padre Kolbe, dalle 7 alle 13 dei giorni feriali.

Con conseguente congestionamento dello smaltimento dei rifiuti e con  ulteriore perdita di tempo da parte dei cittadini che saranno costretti a fare la coda anche per sbarazzarsi delle buste dell’immondizia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid: a Bisceglie un punto nascita per le pazienti positive

L’Asl Bat ha disposto l’attivazione di un punto nascita no-Covid all’ospedale di Barletta e un punto nascita dedicato alle pazienti affette da Covid all’ospedale di Bisceglie. “La scelta – spiegano dall’azienda sanitaria – nasce dalla valutazione dei dati e dalla volontà di garantire alle partorienti del territorio un percorso certo e garantito. Resta attivo, naturalmente, […]

Negozi aperti fino alle 21. Montaruli (Unibat): «Più concertazione nella Bat, Flussi di consumatori verso altre città»

Il nuovo DPCM del Governo prevede la possibilità per i negozi di vicinato di restare aperti fino alle ore 21,00. Un cambiamento importante per alcune città della provincia BT che, con ordinanze sindacali, avevano stabilito l’orario di chiusura serale alle 19,00, con l’adozione fallimentare della sperimentazione dell’orario continuato. Dopo l’incontro di giovedì 3 dicembre tenutosi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: