Boccia cambia rotta: da sostenitore di Juncker ad antieuropeista e sostenitore del M5S?

Forse nel contestare un recente sondaggio sulle primarie del Pd, pubblicato da alcuni organi di stampa online e che lo vedrebbe in penultima posizione col 4%, Francesco Boccia trascura la circostanza che al popolo dei “Democratici” potrebbero non piacere i continui dietro front su posizioni politiche molto delicate sul futuro del PD, dell’Italia e dell’Europa.

Francesco Boccia scrisse addirittura una prefazione, curandone la pubblicazione, al piano Juncker, dal titolo “Un piano di investimenti per l’Europa” nel maggio 2015, con il simbolo dell’euro ben evidente sul frontespizio della pubblicazione.

Dopo circa tre anni si riscopre oggi “grillino” e difensore del governo Conte, in completa distonia rispetto agli altri sei candidati alla segreteria nazionale, che mantengono rigorose posizioni europeiste e anti populiste.

Ragione per cui quella bassa percentuale venuta fuori da quel sondaggio che Boccia contesta, in realtà viziato anche dal fatto che i candidati potrebbero non essere tutti quelli sottoposti ad intervista, potrebbe essere frutto di quella pancia del PD che non apprezza il camaleontismo politico, forse anche provocatoriamente enfatizzato dallo stesso Boccia con l’assunzione in un così breve lasso di tempo di posizioni politiche che, a volte, sembrano apparire anche in contraddizione tra loro.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.