Igiene urbana, altri tre mesi di proroga ad Ambiente 2.0

Sull’albo pretorio non c’è ancora traccia del provvedimento, ma nell’ultima riunione del Consiglio comunale si è accennato ad una scadenza importante: la data di conclusione dell’affidamento del servizio di igiene urbana.

Si trattava di un breve periodo determinato in attesa del parere dell’Anac, l’autorità nazionale anti corruzione, chiamata in causa dal Consiglio di Stato a seguito della sentenza che annullava l’affidamento del servizio all’attuale gestore, Ambiente 2.0. L’Anac avrebbe dovuto esprimersi circa la legittimità a subentrare da parte della impresa Sangalli, vincitrice del ricorso ma coinvolta in passato in episodi di corruzione scoperti dalla magistratura in altre città.

L’Anac evidentemente non ha ancora detto nulla e il servizio non può essere interrotto, per cui dai banchi della maggioranza è stato riferito -pur senza ancora un atto formale consultabile dai cittadini- della proroga ad Ambiente 2.0 per altri 3 mesi, fino alla fine di febbraio 2019 e per un costo di oltre 1.500.000 euro.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.