Bastione San Martino, la denuncia del M5S: è una discarica a cielo aperto

Lascia esterrefatti il degrado che si percepisce in uno di quei luoghi che dovrebbero rappresentare il connubio, l’anello di congiunzione tra presente e passato della nostra storia. Il punto di confine tra quella che un tempo era la fortezza della nostra città , le mura di cinta, e il mare: il bastione San Martino.

Ieri simbolo di possanza, oggi trasformato in una discarica a cielo aperto. Ci chiediamo, quale spettacolo stiamo offrendo ai potenziali visitatori? Chi investirebbe mai in un centro storico abbandonato? Quali progetti a medio e lungo termine ci sono per la culla della nostra cultura medievale e rinascimentale? È vergognoso vedere sullo sfondo antichi e secolari archi illuminati e sul davanti accatastati rifiuti di ogni genere, a cominciare dai cordoli dismessi –soldi pubblici buttati- dalla martoriata pista ciclabile di ponente. Ed ancora inerti, mobili, buste contenenti chissà cosa, “chianche” accatastate alla rinfusa.

Ma l’Amministrazione, l’Ufficio Tecnico, sanno di questa situazione? Quale giustificazione vi potrà mai essere a questa scellerata scelta di deturpare un paesaggio che invece è soggetto a vincoli archeologici e paesaggistici?

O anche questa nostra rimostranza sarà da qualcuno additata come populista?

MoVimento 5 Stelle Bisceglie

Enzo Amendolagine Portavoce

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Questura Bat: Boccia, “Presenza Stato per la massima difesa della legalità”

“Oggi nella BAT si completa un percorso iniziato nel 2004 con la nascita della Provincia di Barletta Andria Trani; l’apertura della Questura, e la conseguente partenza dei comandi provinciali dei Carabinieri e della Gdf, grazie all’eccellente lavoro fatto dal prefetto Valiante, rappresentano per tutta la nostra comunità il definitivo presidio di legalità. E’ proprio attraverso […]

Estate Biscegliese, le precisazioni dell’ass. Bianco: «Abbiamo preferito sostenere le realtà locali»

“Noi ci rendiamo conto che i metodi siano ben diversi rispetto al passato ma non è una buona ragione per polemizzare e mistificare la realtà. Prima si spendevano decine di migliaia di euro per singoli eventi che non sempre portavano valore aggiunto alla Città. Ora si usa un metodo trasparente e concertativo che, al netto […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: