Tari, per Spina è Angarano che continua a mentire

«Con riferimento allo strano e farneticante comunicato politico di Angelantonio Angarano, pubblicato in data odierna in materia di tariffe TARI, tariffe per altro approvate in consiglio comunale più di un mese e mezzo fa, preciso per correttezza informativa nei confronti dei cittadini quanto segue:

  1. Le tariffe TARI del 2019 aumenteranno complessivamente del 10% e, in particolare, vi sarà un aumento per le attività artigianali, commerciali e industriali del 30%, riferito alle superfici delle attività. Se ne accorgeranno i cittadini nei prossimi giorni con le cartelle che stanno per arrivare.
  2. L’eliminazione definitiva della “Green card” costituisce un ulteriore aggravio per le tasche dei cittadini, considerato che negli anni scorsi coloro che facevano la raccolta differenziata presso le isole ecologiche riuscivano ad abbattere quasi totalmente il costo della TARI a loro carico.
  3. Lo stesso Angarano conferma che il costo del servizio è aumentato, per cui risulta molto evidente la falsità della notizia diramata in danno della corretta informazione: se il costo del servizio è aumentato, come confessa lo stesso Angarano, risulta per legge necessario l’aumento delle tariffe per coprire i costi del servizio stesso. Circostanza invece che Angarano non comunica, ma assolutamente preoccupante e allarmante per quella che sarà una vera esplosione dei costi del servizio di igiene urbana, è che, oltre al ricorso con richiesta di danni milionari proposto dalla Sangalli, per l’esclusione dall’appalto sull’igiene urbana, ora è arrivato al comune di Bisceglie anche il ricorso di Ambiente 2.0 che impugna la strana ordinanza di affidamento diretto dello stesso Angarano al fine di maggiori pretese economiche.

Quindi lo strano comunicato politico di Angarano, svincolato da una qualsiasi logica amministrativa e comunicativa istituzionale (la delibera TARI risale ad un mese e mezzo fa), è il chiaro gesto di mettere le mani avanti prima di una clamorosa caduta amministrativa in materia di tasse e igiene urbana».

Lo scrive il consigliere comunale Francesco Spina in una nota.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Covid: Ricchiuti (Fdi), ‘obbligo green pass penalizza piccole imprese’

“Le ultime novità sul nuovo provvedimento al Green Pass recita che chi ne è sprovvisto deve essere sospeso ma non può essere licenziato. Una grande azienda se sospende un dipendente non ha grossi problemi sul piano della produttività stessa, ma una microimpresa con 2/4 dipendenti non può fare a meno di nessuno, neanche per un […]

De Toma: «Politiche Giovanili a Bisceglie poco sviluppate»

«Come Consigliere Regionale dei giovani, ho partecipato al progetto  “PUGLIA TI VORREI”, promosso dalla Regione Puglia. Qui,ho avuto l’opportunità di dialogare con l’assessore regionale Alessandro Delli Noci e con l’assessore del comune di Bari Paola Romano,per quanto riguarda le politiche giovanili Anche Bisceglie ha tanto da lavorare sotto il profilo delle politiche giovanili,nel corso di […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: