Mensa a scuola, c’è l’aumento? Negli ambienti scolastici gira un documento

Sono aumentate oppure no? Il mistero che avvolgeva le nuove tariffe per la mensa scolastica, che ha dato il via qualche settimana fa a una girandola di dichiarazioni e rapide smentite da parte degli amministratori comunali, sembra finalmente risolto da un atto che sta circolando nelle ultime ore tra gli ambienti scolastici biscegliesi.

Dirigenti, insegnanti e genitori delle scuole dell’infanzia di Bisceglie, stanno facendo girare una comunicazione dove c’è persino una comparazione con le tariffe dello scorso anno. Fosse ufficiale questo atto, allora i numeri parlerebbero chiaro: l’aumento c’è e si vede.

Lo scrive espressamente lo stesso dirigente che firma la comunicazione: “una tariffazione media ponderata pari a circa il doppio rispetto a quella riveniente dal quadro tariffario precedente”.

Nel dettaglio, ci sono 5 fasce di reddito su base di certificazione Isee.

Chi ha Isee pari a 0 non paga nulla;

Isee fino a 6.000 euro paga 2,40 euro a pasto con tariffa intera e 1,90 con tariffa ridotta;

Isee da 6.001 a 10.632,94 euro paga 3,40 euro tariffa intera e 2,70 euro tariffa ridotta;

Isee da 10.632,95 a 15.000 euro paga 4,50 euro tariffa intera e 3,60 la ridotta;

Isee da 15.001 a 30.000 euro paga 4,50 euro tariffa intera e 3,80 ridotta;

oltre 30.000 euro la tariffa unica è di 5 euro.

Per tariffa ridotta, si intende quella tariffa applicata nel caso una famiglia usufruisse del servizio mensa per due o più bambini; la tariffa ridotta si applicherebbe al figlio di maggiore età.

Ricordiamo che le fasce tariffarie inizialmente stabilite lo scorso anno erano così suddivise:

per un valore ISEE non superiore a 10.632,94 euro, il costo del pasto era pari ad 1,70 euro;

il costo del pasto era di 2 euro se si superava tale valore ISEE.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Scuola: stanziati 10 milioni, libri gratis a studenti Puglia

“Dal prossimo 17 maggio” con “una dotazione finanziaria pari a 10 milioni, permetteremo a migliaia di ragazzi/e a basso reddito di ricevere gratuitamente libri di testo e sussidi didattici per il prossimo anno scolastico, opportunità di notevole rilevanza visto le tante difficoltà economiche derivanti dall’emergenza sanitaria. Il diritto allo studio resta sempre una priorità in […]

Il Cpia Bat diviene sede distaccata dell’Università di Siena per le certificazioni Cisl

Mercoledì 5 maggio 2021, il CPIA BAT, nella Sede Amministrativa di Andria, ha ospitato un incontro di coordinamento della Rete CPIA di Puglia. Presenti, il dirigente tecnico dell’USR Puglia, Stefano Marrone, la funzionaria dell’USR Puglia, prof.ssa Francesca Di Chio e i dirigenti scolastici: Luigi Piliero (CPIA Bari e presidente di Rete), Maria Vittoria Caprioli (CPIA […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: