“Che occhi grandi che hai”, con “Il tempo dei piccoli” si apre la quinta edizione di “Sistema Garibaldi”

“Che occhi grandi che hai”, con “Il tempo dei piccoli” si apre la quinta edizione di “Sistema Garibaldi”

25 Maggio 2019 0 Di ladiretta1993

Che occhi grandi, che hai! Per guardarti meglio, rispose il lupo… Ma per guardare meglio come si fa? Come si vede con occhi grandi? Come si vede con occhi bambini? Chissà se i grandi se lo ricordano o se lo sono dimenticato… Un castello da esplorare, mille porte da aprire, un labirinto da percorrere, cento occhi con le ruote che pedalano per la città, un cinema in cielo e un giardino incantato, il mercato delle idee, una macchina fotografica gigante, e quando meno te l’aspetti basta chiudere un attimo gli occhi e… Che strane le cose viste da qui! Se ti metti gli occhiali del cuore le vedi anche tu. Wow! Guarda! O-oooh! Ah! Le parole degli occhi eccole qua.

 

Alla sua quinta edizione, l’appuntamento che sistemaGaribaldi, la Città di Bisceglie e il Teatro Pubblico Pugliese dedicano all’infanzia, Il Tempo dei Piccoli, si presenta con un eloquente sottotitolo: che occhi grandi che hai. E se per la comunità degli adulti, a partire dall’incontro delle Scuole Senza Zaino di Puglia, il 31 maggio (17,30), presso le Vecchie Segherie Mastrototaro, sarà un’occasione per interrogarsi sullo sguardo bambino, per i protagonisti il focus dell’iniziativa, il primo e il 2 giugno, sarà una straordinaria, intensissima, girandola di giochi, spettacoli, colori. Perché Il Tempo dei Piccoli non rispetta le regole, non s’inchina a nessuna lancetta, investe giorno e notte. Sì notte, perché il primo giugno, si potrà passare anche una notte in libreria: ad Abbraccio alla Vita saranno ospitati i bambini dai 4 ai 6 anni, alla Vecchie Segherie, quelli dai 7 agli 11. Ma il principale luogo della disputa sarà il Castello Svevo Angioino. A guidare l’assedio Bruno Soriato, a custodire l’impresa Kuziba Teatro, ad ospitarla ZonaEffe e ad animarla una rete fittissima di gruppi, esperienze, associazioni, artisti e anche sponsor. Si parte già aspettando il tempo dei piccoli, il 24 maggio (10,00), con la tradizionale produzione dei manifesti in piazza regina Margherita ad opera degli stessi bambini, mentre a Palazzo Tupputi, sino al 26, nel contesto dell’iniziativa nazionale OPEN! Studi aperti, il gruppo di architetti biscegliesi ArchiMisti espone le sue invenzioni ludiche destinate ad una Città che si pensi a misura di bambino, comprendendo il LabirBimbo, che verrà allestito poi in largo Castello. A seguire spazio a sQuolaGaribaldi che il 29 (19,30), con Creature mostra l’esito del laboratorio Che figura! condotto da Valentina Vecchio (Cavalieri Erranti Teatro) e il 30 (20,00) con Nel castello dei destini incrociati, espone il frutto del laboratorio Piccola tribù condotto da Raffaella Giancipoli. Sempre il 30 (19,00), la libreria Abbraccio alla Vita, il Circolo dei lettori e il locale Presidio del Libro ospitano la presentazione de L’innocente con l’autore Marco Franzoso. Ma l’esplosione si concentra nel fine settimana, perché qui si celebra la festa della Repubblica dei Bambini, partendo con la consueta parata guidata dagli animatori di Binario 0 e dalle percussioni della Bembè Ensamble. Porta d’accesso la torre delle gabelle guardata a vista da un severissimo marmittone, a custodire l’ingresso al giardino incantato allestito dagli amici di Mosquito. Qui sarà possibile incrociare un mercato delle idee, una macchina fotografica gigante di Beatrice Mazzone e Tea Primiterra, il bistrò su ruote foodtruck di Controcorrente, un capanno per l’osservazione degli adulti custodito da Antonio Bernardoni, una curiosa sala cinematografica dove tocca stendersi per vedere: cinemaCielo. Tra gli ospiti teatrali: FortunaDoveSei di Valentina Vecchio (1/17,00), le Storie nel bosco di Marianna Di Muro (1/18,00), Piccoli Misteri con Rossana Farinati e la regia di Laurent Dupont (1/19,00), spettacolo vincitore di uno Stregagatto dedicato ai piccolissimi come quello di Letizia Fata, Il mio giardino (2/18,00). Si continua con Gli innamorati di Amalia Franco (1/20,00), Sarò io i tuoi occhi di Natascia Fogu e Alessandro Lucci (2/10,00/12,00) e Bartolomeo e Cioppina (2/19.00), i clown invitati ad introdurre il Rito di chiusura (2/19,30). E a proposito di sguardo bambino, ecco tre coppie artistiche composte da genitori e figli: Angela Iurilli con sua figlia Fara Navach in In una notte di temporale (2/11,00); Gianna Grimaldi con sua figlia Victoria Ndiaye in Il fatto è (2/17,00); Giulio de Leo con suo figlio Giordano in Giardini famigliari (2/17,40). Da non perdere: le letture animate di Marluna Teatro, Pensieri in Libertà (2/11,00); il laboratorio di BoaOnda & QuaLiBò, Incontro al gusto di felicità (2/12,00); la mostra di illustrazioni di Leo Lionni.

Questa valanga è curata da un gruppo di compagnie e singoli artisti che da anni gravitano intorno a sistemaGaribaldi diretto da Carlo Bruni. Con la squadra stabile composta da Donato, Laura, Mariablù e Giuseppe, hanno lavorato Kuziba Teatro, Cavalieri Erranti, Raffaella Giancipoli, Rossana Farinati e Beatrice Mazzone. Decisivo quest’anno il contributo di ZonaEffe, ma anche la preziosa collaborazione di Pietro Naglieri, Abbraccio alla Vita, Binario Zero, Laboratorio Urbano Palazzo Tupputi, ArchiMisti, Mosquito, Presidio del Libro/Circolo dei Lettori, Il viale dei Ciliegi.

Il tempo dei piccoli non rispetta le regole adulte e non è facile stabilirne misura o durata: non s’inchina a nessuna lancetta. Un’idea si può avere accucciandosi un poco, ma ci vogliono guide sapienti, un binocolo lungo e voler mettersi in gioco. Partecipare per credere e per vivere meglio!

 

INFO sistemagaribaldi@gmail.com – 371.1189956

fb Teatro Garibaldi/Kuziba Teatro

info e prenotazioni: presso il Castello di Bisceglie da mercoledì 29 Maggio dalle 18,00 alle 20,00

e 1-2 Giugno e per tutta la durata dell’evento.

 

Il Tempo dei Piccoli è un marchio di sistemaGaribaldi ideato da Carlo Bruni e diretto da Bruno Soriato, promosso dalla Città di Bisceglie e dal Teatro Pubblico Pugliese.  Ascritte nel ruolo di coordinamento, con le forze del Garibaldi (Donato, Grazia, Giuseppe, Laura e Mariablù), quelle della Compagnia Kuziba, di Cavalieri Erranti Teatro, di Rossana Farinati, Raffaella Giancipoli, Beatrice Mazzone e Pietro Naglieri. La grafica è curata da Enzo Ruta mentre la direzione tecnica è di Giuseppe Pesce. Non avremmo potuto realizzare questa impresa senza il generosissimo contributo di molte aziende e attività commerciali della città: Pastificio Granoro, Allianz Assicurazioni, La Fiorente, Pedone Ferramenta, Benetton, Carpediem, Copapan, Kinder Shop, VerdeMela, La Baguetteria, Cartolibreria Arcobaleno, e Linfa Erboristeria.

Il Tempo dei Piccoli si realizza anche grazie alla straordinaria disponibilità e collaborazione  delle associazioni del territorio che hanno aderito con sorprendente slancio e gratuità: ZonaEffe, Biciliae, Abbraccio alla vita, Binario Zero, Centro Yoga Joya, Laboratorio Urbano Palazzo Tupputi, Linea d’Onda, Mente InterAttiva, Mosquito, Presidio del Libro/Circolo dei Lettori, Viale dei Ciliegi; alla preziosa collaborazione di alcuni singoli cittadini e cittadine che hanno messo in campo le loro competenze e risorse: i bambini e le mamme della Scuola senza Zaino, i ragazzi e le ragazze della Penny Wirton, Nunzia Antonino, Gianni Dalena e Ubuntu, Pietro Naglieri, Antonio Bernardoni, il gruppo degli ArchiMisti, Caporalplant.

Annunci