Lottizzazioni alla BiMarmi, M5S: «Non c’è svolta senza cemento»

Ricordate il film “Le mani sulla città” di Francesco Rosi? Il piano di lottizzazione della maglia 165 – zona omogenea C3 (zona Bi Marmi) ha il triste sapore di speculazioni edilizie di altre note epoche.

Il progetto di edificazione di quest’area arriverà in Consiglio Comunale il prossimo venerdì. Come abbiamo più volte annunciato pubblicamente, ci opporremo a questo progetto, avanzando eccezioni politiche ed eccezioni tecniche alla cementificazione di uno dei pochi tratti di costa periurbani non ancora cementificati.

A che serve costruire palazzine anche a levante? Il fabbisogno residenziale cittadino è già ampiamente soddisfatto dall’attuale piano regolatore. Numerose sono le abitazioni sfitte o invendute in città.

Per decenni abbiamo buttato tonnellate di cemento a Ponente: senza alcuna visione e prospettiva di sviluppo. Ci siamo ritrovati su tutta la costa solo una lunga sfilza di palazzi e villette, mai un’area verde attrezzata, mai strutture turistiche ad alta sostenibilità ambientale in grado di contemperare sviluppo turistico e occupazionale stabile.

La giunta della Svolta sventola ad ogni occasione lo slogan “Bisceglie turistica”, ma alla prova dei fatti pare sia ferma alla Prima Repubblica del cemento. Ma si sa, come recita un amaro motivetto di successo, “La Prima Repubblica non si scorda mai”.

M5S Bisceglie

Enzo Amendolagine Portavoce

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Coalizione Fata: «Angarano chieda scusa, parole gravi contro le opposizioni»

Non è nel nostro stile intromettersi nelle faccende relative ad altri schieramenti. Siamo purtroppo costretti a prendere atto delle gravi parole che il sindaco di Bisceglie in carica ha pronunciato nel corso di un’iniziativa elettorale, quando ha affermato: «Non esiste un’opposizione seria, si cerca esclusivamente di gettare fango sulle persone e sulle loro famiglie».Non possiamo […]

Amministrative, Spina: da Angarano chiacchiere, bugie e attacchi volgari

«A corto di argomenti e di sostenitori, Angarano ha inaugurato malissimo la presentazione della sua ricandidatura. Non potendo occultare i teatri e biblioteche chiusi per tutti i suoi 5 anni, i parchi comunali interdetti e chiusi al pubblico e l’assenza completa di iniziative e nuove opere o programmi, Angarano si è rifugiato nel buio della […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: