Ospedale Bisceglie, il punto nascita resta attivo e arrivano 24 nuovi posti letto

«Questa è un’ottima giornata per noi e per l’ospedale di Bisceglie –commenta Alessandro Delle Donne, Direttore Generale della Asl Bt– la Regione Puglia ha accolto la nostra istanza e ha confermato quando abbiamo proposto e quanto è stato anche definito nell’incontro aperto al pubblico di luglio scorso al quale ha partecipato anche il Presidente Emiliano».

Dunque per l’ospedale di Bisceglie si apre un nuovo capitolo: «un capitolo importante –continua Delle Donne– che intanto passa attraverso la conferma del punto nascita e della pediatria, ma che si sostanzia anche in un aumento di posti letto con l’attivazione di due servizi fondamentali quali l’endocrinologia e la pneumologia (in entrambi i casi si tratta dei primi  reparti ospedalieri di branca per la Bat). E non solo, a giorni sarà attivo il codice della Geriatria che ci permetterà di avviare i ricoveri mentre sono pronti per partire i lavori di riqualificazione del Pronto Soccorso».

«Questa è la risposta concreta e tangibile agli interrogativi sull’ospedale di Bisceglie che si sono succeduti nei mesi scorsi –continua il Direttore Generale– è la nostra risposta ai dubbi, ai timori di abbandono e di scarsa attenzione. Alle dichiarazioni abbiamo preferito gli atti concreti».

“Doverosi i ringraziamenti agli uffici regionali che ci hanno sostenuto in questo difficile processo di rideterminazione dei servizi –dice Delle Donne– innanzitutto devo ringraziare il Direttore del Dipartimento Salute Vito Montanaro e poi la direttrice della unità di Epidemiologia dell’Aress Lucia Bisceglia che ha fornito le informazioni necessarie per dare solidità sostanziale al nostro progetto di riqualificazione dell’ospedale di Bisceglie. Un grazie anche alla dottoressa Antonella Caroli che ha seguito tutte le procedure amministrative. Gli ottimi risultati, come questo, si ottengono solo con la collaborazione e la partecipazione attiva di tutti i soggetti coinvolti”.

“Come nostra abitudine –conclude Delle Donne– daremo conto ai cittadini innanzitutto e poi alle istituzioni di tutti i passaggi necessari per attivare i servizi descritti. L’informazione, in sanità più che in qualsiasi altro settore, è un diritto dei cittadini, dei pazienti e dei dipendenti e noi ci impegniamo a comunicare tempi e procedure che ci permetteranno di avere a Bisceglie quanto approvato oggi dalla Regione Puglia”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

A febbraio sciopero prestazioni aggiuntive e straordinarie, anche nella Bat prosegue la mobilitazione negli Uffici Postali

Si sono tenute anche nella provincia di Barletta Andria Trani, nello scrupoloso rispetto delle norme anti-covid, le assemblee delle lavoratrici e dei lavoratori degli Uffici postali in concomitanza con la “mobilitazione e proclamazione dello sciopero delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto c.d. mercato privati (Uffici postali) della Regione Puglia” indetto dalle segreterie regionali di […]

Degrado al cimitero di Bisceglie, tombe invase dalle erbacce. Alfonso Russo: “Un po’ di vergogna no?”

Una foto eloquente inviata da una cittadina al consigliere comunale del gruppo NelModoGiusto Alfonso Russo è stata pubblicata sul profilo Facebook dello stesso Russo. La foto documenta lo stato di abbandono di alcuni terreni del cimitero comunale, con particolare “aggressione” delle erbe selvatiche intorno alle tombe. “Una signora di cui conservo come prova il messaggio […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: