C’è l’ordinanza anti-botti. Sindaco Angarano: “Multe fino a 500 euro, forze dell’ordine controlleranno”

Il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano, con ordinanza n. 284/2019, ha vietato fino al 7 gennaio 2020 la detonazione su aree pubbliche e la vendita, sia in attività commerciali in sede fissa che in forma ambulante, di botti, petardi e di ogni tipo di fuochi d’artificio ascrivibili alla categoria IV^ e V^, compresi gli ex fuochi di libera vendita, ora obbligatoriamente classificati in una delle suddette categorie. In particolare è vietata la vendita di giochi pirici che abbiano effetto scoppiante, crepitante o fischiante, tipo raudi o petardi. Sono consentiti, invece, i prodotti del tipo fontane, bengala, bottigliette a strappo lancia coriandoli, fontane per torte, petardini da ballo, bacchette scintillanti e simili.

L’ordinanza sindacale vieta inoltre di cedere a qualsiasi titolo, usare o portare con sé nei luoghi pubblici o aperti al pubblico materiale esplodente, di qualsiasi categoria, ai minori di anni 18 e privi della carta d’identità. Ai minori di 14 anni è inoltre vietato l’acquisto, la detenzione e l’utilizzo dei fuochi di artificio di cui alla Cat. V D/E (ora nella categoria 1).

Dalle ore 20 del 31.12.2019 alle ore 7 del 7.01.2020 l’ordinanza vieta l’utilizzo di fuochi pirotecnici, eccetto quelli per cui è prevista la libera vendita, sia in luoghi privati che in luoghi pubblici. L’atto, inoltre, impone il divieto per tutti coloro che hanno la disponibilità di aree private (finestre, balconi, lastrici solari ecc.), di consentirne a chiunque l’uso per l’utilizzo di fuochi d’artificio vietati.

Le violazioni, ove il fatto non costituisca reato, saranno punite con multe da 25 a 500 euro. Le trasgressioni da parte dei venditori autorizzati saranno sanzionate con la sospensione della licenza per giorni dieci.

“Evitiamo che la festa si trasformi in pericolosi incidenti che possano arrecare danno a noi stessi e agli altri”, ha sottolineato il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano. “E ricordiamoci che i boati terrorizzano i nostri amici a quattro zampe e gli altri animali d’affezione. Chi ritiene di farlo, acquisti artifici pirotecnici legali esclusivamente dagli esercizi commerciali autorizzati. Non si raccolgano, né si tenti di riaccendere, botti, petardi o qualsiasi artificio inesploso perché potrebbe essere pericolosissimo.  Collaboriamo tutti insieme, con buon senso e intelligenza, ciascuno secondo il proprio ruolo, per non mettere a rischio la sicurezza, l’incolumità e il patrimonio pubblico e privato”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

La denuncia del consigliere comunale Spina sui Concorsi Comunali

«Concorsi comunali: con determinazione comunale è stata scelta a trattativa privata la ditta che effettuerà la selezione. Perché non è stata fatta una comparazione di offerte con altre ditte? Perché l’amministrazione comunale è’ andata a colpo sicuro su questa ditta. Scopriamo però che questa ditta era già conosciuta sul territorio, visto che ARPAL e Provincia […]

Loculi, Spina: «Per determinare le tariffe ci sono sconti con raccomandazioni?»

«Alla mia interrogazione in Consiglio comunale sugli abusi nell’appalto e nella gestione dei loculi prefabbricati, Angarano e company, dicono che non sono ancora determinate le tariffe. Per la SVOLTA, non solo IN VITA, ma anche dopo la morte ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie B. Tra politici che pensano a difendere […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: