Marcello Veneziani nel Borgo delle Meraviglie: “Riempie il cuore”

Sono state tantissime le persone che hanno salutato con interesse e gioia l’avvio del Borgo delle Meraviglie, l’iniziativa promossa da Gal Ponte Lama, Confcommercio Bisceglie e Associazione “Borgo Antico” che ha avuto il via lo scorso sabato 4 luglio, quando commercianti, artigiani ed artisti hanno ripreso finalmente possesso dei locali del centro storico di Bisceglie. Nel primo weekend il Borgo Antico si è presentato finalmente vivo, da via Cardinale Dell’Olio fino alla Porta di Mare, sul bellissimo porto turistico, animato dalla presenza di negozi di moda, di prodotti agroalimentari, di souvenir e di bigiotteria, ma anche di fiorai, artisti, artigiani del legno, del vimini e del macramè, passando per le tante botteghe che sono tornate ad ospitare gli antichi mestieri che hanno fatto la storia della nostra comunità.

Nel pomeriggio di domenica, anche lo scrittore e giornalista Marcello Veneziani si è concesso una passeggiata tra le vie del Borgo delle Meraviglie. “Ogni volta che tornavo a Bisceglie avevo la tristezza di vedere il centro storico sempre un po’ malandato”, ha dichiarato Veneziani. “Vedere ora le botteghe aperte e questo fiorire di iniziative mi riempie il cuore e ho l’impressione che sia davvero l’inizio di una nuova stagione”.

Le oltre 40 attività del Borgo delle Meraviglie saranno aperte tutti i giorni a partire dalle ore 18.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Giornata della Memoria, il messaggio dell’Associazione “Borgo Antico” (IL VIDEO)

“Il primo nemico dell’umanità è l’indifferenza, il non occuparsi degli altri, ma solo del proprio interesse e del proprio tornaconto”. Con queste parole, la Senatrice Liliana Segre, testimonianza vivente di valori universali quali l’uguaglianza, l’antirazzismo e la giustizia, lo scorso anno ha voluto far riflettere i giovani volontari del festival “Libri nel Borgo Antico” sull’importanza […]

“Giorno della Memoria”, ha raggiunto il suo scopo?

Il 27 gennaio è il “giorno della memoria”, una ‘data di monito da non dimenticare’ come sentenziato dall’Onu, nel 2005, nell’invitare le Nazioni a ricordare l’orrore dello sterminio degli ebrei e degli oppositori al nazismo e alle leggi razziali. Fu il 27 gennaio 1045 che furono abbattuti i cancelli di Auschwitz portando all’attenzione del mondo […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: