Arrivano i pos al Comune: canone di 1800 euro all’anno, più costi per transazione

La Ripartizione Finanziaria del Comune di Bisceglie ha provvenuto a sottoscrivere con l’Ufficio Postale sei abbonamenti per dotare alcuni uffici di pos.

Il servizio ha carattere sperimentale e temporaneo utile a verificare l’utilizzo di questo nuovo strumento per agevolare i rapporti con il cittadino.  L’attivazione del nuovo servizio non produce un aggravio di costi verso il cittadino, ma verso quelle del Comune che dovrà sborsare circa 1800 euro all’anno di canone oltre costi per ogni transazione pari a € 0,43 oltre IVA per carta di credito di poste (valore minimo) e € 1,85 oltre IVA per carte di credito aziendali (valore massimo).

Due pos saranno installati presso l’Ufficio Anagrafe, uno ciascuno presso la Polizia Municipale, l’Ufficio Economato, l’Ufficio Trasporti, Topas, ICP e Affissioni.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Sull’anticipo della nascita di Gesù Bambino la sfida è a Bisceglie tra Boccia e mons. Ricchiuti

Si gioca a Bisceglie la partita sulla proposta avanzata dal Ministro Boccia (biscegliese) di anticipare di un paio d’ore le celebrazioni liturgiche il 24 dicembre prossimo. A replicare all’esponente Pd è stato il presule Giovanni Ricchiuti (anch’egli biscegliese). Lo ha fatto sulle pagine de “Ilfattoquotidiano.it” in una lunga intervista curata dal collega Francesco Antonio Grana. […]

Legambiente, Di Gregorio: pochi soldi per i pasti caldi agli indigenti e troppo denaro per le luminarie

Non ci siamo, proprio non ci siamo. La nuova delibera della giunta comunale biscegliese al gran completo, ci trova sconcertati! In essa, per le festività natalizie, si destinano a luminarie e rappresentazioni varie, oltre 34.500€ mentre, per i pasti caldi degli indigenti, meno di un decimo di quella cifra. Ci chiediamo sgomenti se, come hanno […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: