Piu’ controlli spiagge e movida, stretta in Puglia

Aumentare i controlli su spiagge pubbliche e movida, con un occhio di attenzione alle discoteche e locali frequentati dai più giovani in questa strana estate di convivenza con il Covid-19: il governatore della Puglia, Michele Emiliano, chiede uno sforzo maggiore a forze dell’ordine, questori, prefetti e sindaci per evitare che il mancato rispetto delle regole anti-Coronavirus possa far schizzare in alto la curva dei contagi già in pieno agosto. Il presidente della Regione e’ convinto che “il punto di maggiore pericolosità comincerà con la ripresa della vita dopo le vacanze, quando ricominceranno le scuole” ma già “da oggi dobbiamo fare in modo che il virus circoli il meno possibile, lo dobbiamo isolare”. La Puglia e’ una delle 12 regioni italiane che, nell’ultima settimana, ha visto salire il suo indice Rt sino a superare la soglia di sicurezza. Allora Emiliano ha chiesto un incontro a tutti i prefetti pugliesi, che si e’ svolto questa mattina a Bari alla presenza dei vertici regionali e provinciali di carabinieri, polizia e guardia di finanza.

“I controlli – ha detto il presidente della Regione Puglia al termine del briefing – ci sono, sono efficaci ma e’ necessario intensificarli soprattutto su spiagge libere, movida e in tutti quei luoghi dove non c’e’ controllo specifico e noi non siamo in condizione di sapere se qualcuno ha la febbre, se ha la tosse e non abbiamo un elenco di chi entra e chi esce”. Anche in Puglia e’ di attualità il tema dei “contagi d’importazione” e l’arrivo di migliaia di turisti, se da una parte consola dal punto di vista economico, è fonte di preoccupazione. Gallipoli e’ ormai la città pugliese emblema del turismo giovanile, un piccolo paese di 20mila abitanti che in estate arriva a contare sino a 100mila turisti in contemporanea. “Stiamo provando con la polizia locale ad effettuare controlli ogni giorno, ma non e’ facile”, ammette il sindaco della cittadina salentina, Stefano Minerva. Il primo cittadino sta pensando di “investire” i soldi ricevuti appositamente dalla Regione per rafforzare le verifiche nelle spiagge pubbliche attraverso l’utilizzo della vigilanza privata. In tutta la Puglia, negli ultimi 7 giorni sono stati eseguiti 20mila controlli, solo a Bari sono stati 6mila. Per Emiliano ancora non sufficienti, nonostante ci tenga a sottolineare che, al momento, “non c’e’ nessuna emergenza, le cose vanno come noi avevamo previsto che sarebbero andate”. Dalla Puglia alla Calabria, la governatrice Jole Santelli esprime i suoi timori, sempre in tema di coronavirus, per eventuali arrivi di migranti positivi, ma anche per il rischio di assembramenti legato alla stagione turistica: “C’e’ un boom di seconde case e la stagione sta andando abbastanza bene. Per quanto mi riguarda personalmente c’e’ solo il timore di troppi assembramenti”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Premio alla memoria assegnato a Antonio Caggianelli

Premio alla memoria assegnato a Antonio Caggianelli, un talento che ha dato lustro al territorio con la sua arte ma che il destino ci ha portato via troppo presto. Ritirato dai genitori Isa e Franco Caggianelli. Riconoscimento assegnato alle eccellenze della Puglia. L’obiettivo era quello di  raccogliere fondi da devolvere alla ricerca, il ricavato della […]

Articolo su ‘bufale contro vaccini morbillo’, condannato giornalista Scagliarini de “La Gazzetta”

Pubblicò un articolo che attribuiva alla associazione Condav (Coordinamento nazionale danneggiati dal vaccino) la “diffusione di notizie non documentate e non rispondenti a verita’” sugli effetti dannosi e anche mortali del vaccino contro il morbillo. “Puglia, tutte le bufale dei contrari al vaccino” è il titolo dell’articolo pubblicato il 22 aprile 2017 con riferimento al […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: