Coronavirus, epidemiologo Lopalco: «Sta emergendo la parte sommersa dell’iceberg»

“Quello che osserviamo oggi è esattamente quello che non potevamo vedere a gennaio”, e cioè “la famosa parte sommersa dell’iceberg” che viene “usato più volte come metafora per chiarire come un sistema di sorveglianza non riesca mai a catturare tutti i casi di infezione”. “Se siamo bravi, non andremo a sbatterci contro”. Lo spiega Pier Luigi Lopalco, epidemiologo dell’università di Pisa e consulente della Regione Puglia per l’emergenza coronavirus, analizzando su Facebook l’andamento di Covid-19 in Italia.

“La sensibilità di un sistema di sorveglianza può cambiare nel corso del tempo”, sottolinea l’esperto nello spiegare ciò che stiamo osservando in questa fase della crisi coronavirus. “Quella che riuscivamo a vedere a marzo non è la stessa fotografia che vediamo oggi”, evidenzia Lopalco postando immagini con cui “dimostro graficamente come la curva epidemica dei casi pugliesi, una volta esclusi i casi asintomatici e paucisintomatici, non si modifica quasi per nulla nella prima ondata, mentre cambia molto nelle ultime settimane. Se si escludono asintomatici e paucisintomatici, l’aumento dei casi recente fa meno paura”, commenta l’epidemiologo. “Come al solito dobbiamo seguire attentamente l’evoluzione – precisa tuttavia Lopalco – perché tanti di questi casi potrebbero nei prossimi giorni trasformarsi da asintomatici in sintomatici”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Premio alla memoria assegnato a Antonio Caggianelli

Premio alla memoria assegnato a Antonio Caggianelli, un talento che ha dato lustro al territorio con la sua arte ma che il destino ci ha portato via troppo presto. Ritirato dai genitori Isa e Franco Caggianelli. Riconoscimento assegnato alle eccellenze della Puglia. L’obiettivo era quello di  raccogliere fondi da devolvere alla ricerca, il ricavato della […]

Articolo su ‘bufale contro vaccini morbillo’, condannato giornalista Scagliarini de “La Gazzetta”

Pubblicò un articolo che attribuiva alla associazione Condav (Coordinamento nazionale danneggiati dal vaccino) la “diffusione di notizie non documentate e non rispondenti a verita’” sugli effetti dannosi e anche mortali del vaccino contro il morbillo. “Puglia, tutte le bufale dei contrari al vaccino” è il titolo dell’articolo pubblicato il 22 aprile 2017 con riferimento al […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: